Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi6 settembre 2017 | 15:30

JOHN CRYAN SPERA IN TASSI PIU’ ALTI – Non è più solo la Bundesbank a premere affinchè la Bce ponga termine all’era del “denaro facile” e dei tassi sotto zero: anche il Ceo di Deutsche Bank, John Cryan, parlando in una conferenza a Francoforte ha sostenuto che il vecchio continente dovrebbe “dire addio” al denaro facile perchè il prolungato perdurae di tassi ai minimi starebbe iniziando a gonfiare una bolla speculativa, oltre a danneggiare le banche europee rispetto ai loro concorrenti americani.

SI VEDONO SEGNI DI BOLLA – Cryan ha portato come esempi a sostegno della sua tesi rendimenti sui bond sovrani e sui bond ad alto rischio ancora vicini ai minimi di sempre, ma anche prezzi immobiliari che per i paesi del G7 sono vicini ai massimi storici, il tutto mentre la volatilità sui mercati finanziari rimane modesta. “Vediamo segnali di bolle in sempre più parti del mercato dei capitali dove non ci saremmo aspettati di vederlo” ha aggiunto il banchiere, secondo cui i bassi tassi d’interesse spiegano in parte il calo della redditività delle banche europee.

BENVENUTI GLI ANNUNCI FED E BCE – Così Cryan ha “accolto favorevolmente i recenti annunci dati dalla Federal Reserve ed ora anche dalla Bce circa l’intenzione di gradualmente concludere il loro allentamento di politica monetaria”. Come noto la Fed ha già alzato due volte i tassi quest’anno e si prepara ad alzarli una terza volta (con previsioni di mercato che parlano di altri 3 o 4 rialzi l’anno venturo), mentre Mario Draghi, presidente della Bce, a luglio ha anticipato che in autunno anche Eurotower prenderà una decisione, anche se deve prima vedere un’inflazione in grado di mantenersi stabilmente vicina al 2% annuo.

ANCORA POCHE FUSIONI E ACQUISIZIONI – Cryan ha anche avuto parole di rammarico per il fatto che la situazione di difficoltà in cui versa il settore bancario europeo non ha comunque dato impluso a una maggiore concentrazione, nonostante appaia evidente che i numeri dovranno calare ancora: “Purtroppo ben poco è successo in Germania – ha spiegato il banchiere – e il consolidamento continua in modo lento, specialmente a livello sovranazionale”. Un concetto espresso in questi giorni anche dal presidente di Credit Suisse, Urs Rohner, secondo cui non vi sono state sostanzialmente accordi transnazionali a causa dei vari vincoli normativi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

5 buoni motivi per iscriversi a Investments on the road

Cassa di Risparmio di Asti, porte aperte ai giovani

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Banca del Piemonte dirige la sua nuova Orchestra

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Ti può anche interessare

Lyxor Etf si rafforza con Pisani

La manager nominata head of institutional sales per i Lyxor ETF. ...

Scozia, al via processo legale per nuovo referendum

SCOZIA PREPARA NUOVO REFERENDUM – Il premier scozzese Nicola Sturgeon ha annunciato l’avvio ...

Quant, manca poco al grande evento

Registratevi con i i buoni sconto di Bfc ...