Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi8 settembre 2017 | 13:17

I MERCATI NON CREDONO ALLA GUERRA – Incrociando le dita e nonostante i titoli di giornale, i mercati non sembrano attendersi un’escalation militare in Corea del Nord, almeno secondo la visione che Phil Poole, capo della ricerca di Deutsche AM, ha offerto nella sua ultima pubblicazione. Poole ha fatto notare come la valuta della Corea del Sud (paese confinante con la Corea del Nord e dunque molto vicino all’epicentro della crisi), il won, praticamente non abbia reagito.

MOVIMENTI E VOLATILITA’ CONTENUTI – I movimenti recenti non sono in ogni caso in alcun modo paragonabili “ai colpi a cui abbiamo assistito durante la crisi finanziaria, per non parlare della crisi asiatica degli anni ’90”. La volatilità implicita nei mercati delle opzioni, un altro indicatore comune del rischio, rimane altrettanto contenuta, mentre anche la performance delle azioni sudcoreane non si è scostata molto dagli altri mercati azionari e l’indice azionario coreano (il Kospi) resta in crescita di circa il 16% da inizio anno.

SANZIONI E PRESSIONE DIPLOMATICA BASTERANNO? – Certo, ulteriori escalation militari potrebbero indurre i partecipanti al mercato a ridurre la loro esposizione al rischio, in un ambiente che è già di per sè maturo per i mercati dei capitali (e dunque induce a prendere profitto, ndr).  Tuttavia lo scenario base assunto da Poole è che si eviti una situazione di questo tipo anche se la minaccia nucleare da parte della Corea del Nord pare destinata a rimanere (ma verrebbe contenuta con l’erogazione di nuove sanzioni coordinate da parte di Usa, Cina e Russia e pressioni implicite a Pyongyang).

DUE DIFFERENTI SCENARI “A RISCHIO” – E nell’ipotesi peggiore? Poole prevede due scenari “a rischio”: nel primo, ipotizzabile se la Corea del Nord passasse il segno (ad esempio lanciando un missile contro la base Usa di Guam), si potrebbe prevedere un intervento militare circoscritto, possibilmente sotto mandato Onu, nel quale la Cina evitasse di offrire alcun sostegno ai nord coreani. Nel secondo in caso di un conflitto più ampio con coinvolgimento diretto anche di Giappone e Cina vi sarebbe il risciho di un elevato numero di vittime anche in Corea del Sud e potenzialmente dell’esplodere di una lunga guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Lvmh: preconsuntivo trimestrale batte le attese, il lusso sta riaccelerando

Ti può anche interessare

Vontobel: “puntare sugli high yield e il credito”

Nell'incontro annuale con la stampa italiana della casa di gestione svizzera, valutazioni positive s ...

Banca Ifis definisce tempi semplificazione societaria

BANCA IFIS SOTTOTONO – Apertura di giornata sottotono per Piazza Affari e per i titoli del com ...

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

TONI PIU’ DA COLOMBA DEL PREVISTO PER DRAGHI – Dopo l’esito (scontato) della riunione del ...