Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi12 settembre 2017 | 12:32

UNICREDIT AVANTI TUTTA – Titoli bancari in evidenza anche stamane a Piazza Affari, come previsto dai trader a inizio giornata. Tra i migliori si mettono in luce Unicredit (+1,98% a 17,52 euro per azione), Banco Bpm (+1,28% a 3,166 euro) e Ubi Banca (+0,92% a 3,934 euro a titolo). In una giornata che non presenta particolari dati macro, a offrire sostegno al comparto sono gli ultimi dati diffusi dalla Banca d’Italia relativamente all’andamento del credito in luglio.

BUONI SEGNALI DAL CREDITO – In un mese che ha visto i prestiti alle famiglia salire del 2,7% (contro il +2,6% segnato nel  mese  precedente) e quelli alle società non finanziarie dello 0,5% (erano rimasti stabili in giugno), i depositi del settore privato sono saliti del 3,5% (contro il +4,5% del mese precedente) e la raccolta obbligazionaria è calata del 14,2%. Soprattutto, le sofferenze su crediti sono calate del 5,1% su base annua (erano cresciute ancora del 4,4% il mese precedente).

SOFFERENZE LORDE AI MINIMI DAL LUGLIO 2014 – Nel dettaglio, le sofferenze lorde sono calate a 173,59 miliardi di euro, il minimo dal luglio 2014, rispetto ai 192 miliardi di giugno, mentre le sofferenze nette sono scese a 65,843 miliardi dai 71,237 del mese precedente. Banca d’Italia segnala peraltro come “quando si corregge per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, le sofferenze risultano cresciute del 10,3% (come nel mese precedente).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Azimut attende i risultati 2016

AZIMUT STABILE A MILANO – Azimut resta poco sopra i 6 euro per azione a Piazza Affari, col tit ...

S&P: il piano banche non impatta sul rating dell’Italia

Al momento il rating dell’Italia è BBB- (l’ultimo gradino della categoria investment grade) con ...

Mediaset in rosso, Agcom potrebbe stoppare Vivendi

AGCOM STOPPERA’ VIVENDI? – L’Agcom starebbe per mettere i paletti all’eventuale acquisiz ...