Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi12 settembre 2017 | 12:32

UNICREDIT AVANTI TUTTA – Titoli bancari in evidenza anche stamane a Piazza Affari, come previsto dai trader a inizio giornata. Tra i migliori si mettono in luce Unicredit (+1,98% a 17,52 euro per azione), Banco Bpm (+1,28% a 3,166 euro) e Ubi Banca (+0,92% a 3,934 euro a titolo). In una giornata che non presenta particolari dati macro, a offrire sostegno al comparto sono gli ultimi dati diffusi dalla Banca d’Italia relativamente all’andamento del credito in luglio.

BUONI SEGNALI DAL CREDITO – In un mese che ha visto i prestiti alle famiglia salire del 2,7% (contro il +2,6% segnato nel  mese  precedente) e quelli alle società non finanziarie dello 0,5% (erano rimasti stabili in giugno), i depositi del settore privato sono saliti del 3,5% (contro il +4,5% del mese precedente) e la raccolta obbligazionaria è calata del 14,2%. Soprattutto, le sofferenze su crediti sono calate del 5,1% su base annua (erano cresciute ancora del 4,4% il mese precedente).

SOFFERENZE LORDE AI MINIMI DAL LUGLIO 2014 – Nel dettaglio, le sofferenze lorde sono calate a 173,59 miliardi di euro, il minimo dal luglio 2014, rispetto ai 192 miliardi di giugno, mentre le sofferenze nette sono scese a 65,843 miliardi dai 71,237 del mese precedente. Banca d’Italia segnala peraltro come “quando si corregge per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, le sofferenze risultano cresciute del 10,3% (come nel mese precedente).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

Ti può anche interessare

Criptovalute, anche la Svizzera alza le antenne

La Finma pubblica una guida pratica sulle ICO ...

La carica dei 100 under 30 leader del futuro su Forbes Italia #5

Dal network globale di Forbes la 1a tappa di un progetto ambizioso sugli Under30 che stanno rivoluzi ...

Il dilemma di Bufi su Twitter

Un quesito che riguarda il futuro della consulenza finanziaria ...