Morgan Stanley taglia i costi per compensare calo ricavi e utili

A
A
A

Ricavi e utili in calo per Morgan Stanley, ma meno delle attese, nel primo trimestre dell’anno. Alla turbolenza dei mercati la banca risponde tagliando i costi

Luca Spoldi di Luca Spoldi18 aprile 2016 | 14:48

ANCHE MORGAN STANLEY BATTE LE ATTESE – Morgan Stanley in evidenza a Wall Street, dove il titolo già nel pre-borsa è indicato in rialzo del 2% circa dopo avere diffuso la trimestrale, chiusa con un utile netto di 1,13 miliardi di dollari, più che dimezzato rispetto ai 2,39 miliardi registrati nel primo trimestre 2015, ma con un utile per azione di 55 centesimi di dollaro superiore al consensus (pari a 0,47 dollari a titolo).

RICAVI IN CALO, SI TAGLIANO I COSTI – Commentando i risultati il Ceo di Morgan Stanley, James Gorman, ha notato come il primo trimestre sia stato “caratterizzato da condizioni di mercato impegnative e da un’attività della clientela in evoluzione”. In effetti i ricavi da intermediazione nel reddito fisso sono calati del 54% a 873 milioni di dollari, quelli dell’intermediazione in generale sono però stati pari a 2,69 miliardi di dollari (il consensus si attendeva 2,65 miliardi). Morgan Stanley ha reagito alle turbolenze del mercato tagliando i costi, con spese per il personale calate a 3,7 miliardi dai 4,5 miliardi del primo trimestre 2015.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Doris: Mediolanum, banca delle Pmi

L’a.d. conferma la svolta dalla gestione ai servizi all’impresa. E annuncia che la cassaforte Fi ...

Consulenti, 5 consigli per motivare il team di lavoro

Ecco alcuni preziosi e utili suggerimenti su come i manager delle reti possono mantenere alto il mor ...

La carica dei 100 under 30 leader del futuro su Forbes Italia #5

Dal network globale di Forbes la 1a tappa di un progetto ambizioso sugli Under30 che stanno rivoluzi ...