Wall Street ai minimi del 2008, Europa apre piatta

A
A
A

Penultima seduta del semestre negativa per Wall Street che dall’inizio dell’anno vede tutti i suoi indici in territorio negativo: Dow Jones -14,5%, S&P 500 -12,9% e Nasdaq -12,7%. Anche la seduta di venerdi è stata consone a questa prima metà del 2008 con indici in discesa: S&P 500 -0,37% e Nasdaq Composite -0,25%. Ancora a pesare le incertezze sul settore finanziario è la forza del petrolio a 142 dollari. In Europa alle ore 9 il future sull’indice Eurostoxx 50 è sostanzialmente invariato.

di Redazione30 giugno 2008 | 07:30

Penultima seduta del semestre negativa per Wall Street che dall’inizio dell’anno vede tutti i suoi indici in territorio negativo: Dow Jones -14,5%, S&P 500  -12,9% e Nasdaq -12,7%. Anche la seduta di venerdi è stata consone a questa prima metà del 2008 con indici in discesa: S&P 500 -0,37% e Nasdaq Composite -0,25%. Ancora a pesare le incertezze sul settore finanziario e la forza del petrolio a 142 dollari al barile ha continuato a pesare sul listino.

Partenza di settimana all’insegna delle vendite sul listino giapponese con il Nikkei 225 in flessione dello 0,46%, che conclude così l’ottava seduta in ribasso consecutiva.

In Europa alle ore 9 il future sull’indice Eurostoxx 50 è sostanzialmente invariato.

Sul fronte valutario da segnalare la ritrovata forza dello Yen che ha recuperato quota 167 contro Euro, mentre il dollaro USA si mantiene debole contro la moneta unica tornando a sfiorare 1,58.

Mercati obbligazionari stabili in avvio di seduta con il Bund a 111,20

In Europa attenzione a France Telecom e TeliaSonera, dopo che l’ex monopolista francese ha ritirato la sua offerta sull’operatore svedese.

In Italia occhi su Atlantia dopo che venerdì S&P ha rivisto il proprio outlook sul merito creditizio dell’azienda da negativo a stabile.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

L’intelligenza del rischio rappresenta la forma di intelligenza più importante per coloro che ope ...

Fondi, il vero (e oneroso) volto della raccolta

Da un recente studio Consob emerge che alcuni prodotti sono cari e poco redditizi. E che spesso a gu ...

Fuori le obbligazioni dal bail in, la mossa di Eba ed Esma

Con un documento congiunto, le autorità spingono per escludere i detentori di obbligazioni retail ...