La settimana secondo JC Associati

A
A
A

Il quadro generale in via di miglioramento viene messo nuovamente in discussione per la mancata approvazione al Senato degli Stati Uniti (dopo un voto positivo del Congresso) di un prestito ponte ai primi tre produttori automotive.

di Manuela Tagliani12 dicembre 2008 | 14:45

Da un lato abbiamo infatti una politica monetaria accomodante e una rapida discesa dei tassi interbancari, una presenza sempre maggiore del nuovo presidente e del suo team nelle decisioni economiche e una maggiore razionalità degli investitori nel valutare le principali classi di investimento, dall’altro i timori che l’entrata simultanea in chapter11 di GM e Chrysler possa avere un impatto molto negativo su occupazione e consumi.
Probabilmente un accordo verrà alla fine trovato, ma per il momento il mercato sconta l’ipotesi più negativa.

Sugli indici azionari il calo della volatilità ha stimolato un maggiore ottimismo tra gli investitori, che hanno concentrato gli acquisti soprattutto sui settori maggiormente penalizzati negli ultimi mesi. Una maggiore rotazione settoriale permette inoltre una riduzione dei principali squilibri e un ritorno ad una maggiore razionalità.
Nondimeno è importante capire se il recupero degli indici azionari dai minimi sia dovuto alla stagionalità (l’ultima parte dell’anno a livello statistico è mediamente contraddistinta da performance positive) o se si tratta semplicemente di un rimbalzo tecnico.
Politiche monetarie e fiscali molto accomodanti nondimeno in passato hanno sempre prodotto risultati positivi sulla congiuntura economica.
Operativamente data la difficoltà a calcolare i flussi di cassa futuri, punteremmo su aziende con un elevato peso della cassa sulla capitalizzazione e/o con attività a lungo termine già parzialmente ammortizzate.

A livello obbligazionario la situazione rimane complessa.
Le emissioni governative sono contraddistinte da rendimenti sempre più bassi (negli Stati Uniti c’è stata un’asta a rendimento negativo), mentre al contrario il debito societario continua a scontare tassi di default estremamente elevati sia sull’investment grade che sugli high yield.
Allo stesso tempo le emissioni a tasso variabile, anche degli stessi emittenti, sono palesemente prezzate male nei confronti delle stesse scadenze a reddito fisso.

La strategia da seguire si dovrebbe concentrare soprattutto sul tasso variabile di emittenti sovranazionali (particolarmente interessanti i CMS) o di corporate di elevata qualità (non tanto in termini di rating quanto di prospettive).

Sul mercato valutario forte lo yen, debole il dollaro. Quest’ ultimo soffre al di là del mancato accordo per il settore automobilistico, anche di un dato sul deficit commerciale peggiore delle stime. La maggiore reattività dell’economia statunitense rispetto a quella europea nondimeno nel medio periodo dovrebbe permettere la continuazione del trend pro-dollaro.
In termini strategici conviene attendere di capire quanto durerà la debolezza del dollaro, per poi rientrare sulla valuta statunitense.

Infine le materie prime sembrano avere trovato un floor nonostante il legame con il ciclo economico.
In arrivo nuovi tagli sulla produzione del petrolio, i raccolti di molte materie prime alimentari sono inferiori alle attese, la produzione e gli investimenti sui metalli sono in calo.
Nuovamente da monitorare in un’ottica di diversificazione del portafoglio.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Ti può anche interessare

Prelios tira il fiato dopo aver fatto il botto a Piazza Affari

PRELIOS TIRA IL FIATO – Prelios corregge in apertura di giornata a Piazza Affari, col titolo c ...

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

PIL USA FRENA NEL PRIMO TRIMESTRE – Apparente brusca frenata della crescita Usa, che nel primo ...

Goldman Sachs: consigli tattici per chi investe in bond

TASSI REALI ANCORA IN CALO NEGLI USA – Tassi in rialzo? State attenti a non fare confusione: c ...