Presidenziali USA, McCain spera nel ribaltone

A
A
A

A quattro giorni dalle elezioni presidenziali, i sondaggi danno Obama sempre in forte vantaggio. Il candidato Democratico prosegue senza passi falsi nella sua corsa alla Casa Bianca mentre McCain insegue (alla distanza) e spera nel colpo di scena finale.

di Cole Kendall31 ottobre 2008 | 18:00

Siamo ad un punto di svolta nella campagna elettorale americana,  dove nessuno sa esattamente cosa sta succedendo. Mentre i sondaggi continuano a sfornare dati, milioni di americani hanno già votato e (si stima) che almeno un terzo degli aventi diritto voterà prima di martedì prossimo.

Tutta questa incertezza può essere analizzata osservando il grafico dei future politici di McCain. Nell’ultima settimana il candidato repubblicano è stato protagonista di un piccolo rally che però non lo ha fatto andare oltre i 20 punti (vedi grafico sotto).
 

McCain ha cercato di puntare principalmente su due argomenti negli ultimi comizi, spiegando agli americani che Obama è troppo lontano dalla sinistra e troppo inesperto per il ruolo cui è chiamato a ricoprire.  Gli americani infatti sono divisi tra i Democratici e Repubblicani e McCain sta cercando di convincere il 50,7% degli americani che votarono per Bush, di votare per lui.

Ma le elezioni in America non sono determinate dal voto popolare ma dal voto elettorale. Secondo gli analisti, a questo punto, McCain dovrebbe vincere in tre stati per avere qualche chances di vittoria: Florida, Ohio e Pennsylvania. Bush riuscì nell’impresa di vincere due volte in Florida e Ohio  (anche se i lettori si ricorderanno come la Florida fosse molto in bilico nel 2000) ma entrambe le volte perse in Pennsylvania. 

Obama non è andato molto bene in Pennsylvania durante le primarie (perse contro Hillary Clinton) così si potrebbe pensare che McCain abbia qualche possibilità. Ma come è già stato sottolineato, le quotazioni dei future di McCain in questi stati è molto bassa: Florida 0.34, Ohio 0,25 e 0,18 per la Pennsylvania. Questi numeri parlano chiaro e le speranze di una vittoria di McCain in questi stati sono risicate.

Cosa aspettarsi allora?

Esistono ancora delle speranze per un colpo di scena dell’ultimo minuto; nel 2000, per esempio, l’arresto di George Bush perché fermato alla guida della propria auto in stato di ebbrezza, era stato diffuso il sabato prima delle elezioni e Al Gore riuscì alla fine a strappare un numero di voti più alto di quanto si poteva pensare.

Passato il weekend, l’attenzione dei media si sposterà sui risultati dei sodaggi post voto che verranno diffusi nel pomeriggio di martedì (i sondaggi sugli elettori che hanno votato quel giorno), ma ricordiamoci che gli stessi sondaggi diedero (erroneamente) per sconfitto Bush nelle elezioni del 2004.

Finalmente martedì, i risultati verranno resi pubblici alla sera (ora locale): dato che gli stati che condizioneranno maggiormente il voto sono tutti concentrati nella costa est, se Obama dovesse mantenere la sua leadership i risultati dovrebbero essere noti intorno alle 23.00 ora locale (le cinque di mattina in Italia). Se invece McCain dovesse fare meglio delle attese, i risultati non arriveranno prima di notte fonda.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Wall Street guarda a Obama e a fusioni e acquisizioni

Listini in frenata dopo dati macro e monito Obama

Le borse Ue attendono sviluppi sull’Ucraina

Fondi, arriva Oyster Mais

Usa, economia ancora in affanno

Il Senato Usa approva la riforma finanziaria

Obama: i dati sull’occupazione sono incoraggianti

Obama, una donna per Bernanke

Bernanke e Obama, allarme deficit

Ecco i punti della riforma finanziaria di Obama

Obama, rivalutate la yuan

G20, Basilea II dal 2011

Obama Vs banche, scontro finale

Fme, un coro di no contro la Merkel

Niente più hedge per i big di Wall Street

Obama, l’asse Washington-Pechino è saldo

L’Oracolo – Scusa se ho tentato una rapina

“Basta eccessi a Wall Street”

Banche Usa, il pressing di Volcker

Obama, al varo la finanziaria

Obama, oltre la tempesta

Mr. Obama, siamo con te

Soros: ok la linea dura di Obama sulle banche

WallStreet minaccia Obama, sfidare le banche non serve

Servono norme per proteggere i consumatori

Obama, giro di vite sulle big banks

Obama, come ai tempi della Grande Depressione

Obama: “A volte la guerra è necessaria”

Flop Obama, paura a Wall Street

Ue, anche noi come Obama

Tremonti, Pil all’1% e riforma autofinanziata nel 2013

Obama tassa le grandi banche

Ti può anche interessare

Piazza Affari: Generali recupera il 3%, Mps crolla del 13%

Piazza Affari poco mossa, tra allungi per titoli della moda e ciclici e nuovi tonfi per i finanziari ...

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

PRESSIONE FISCALE IN AUMENTO – Indovinate un po’: nel primo trimestre dell’anno, secondo q ...

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

BARNIER E DAVIS, SCINTILLE SULLA BREXIT – Mentre Michel Barnier, capo dei negoziatori Ue sulla ...