Azimut crescerà anche senza performance fee

A
A
A

Giuliani: potremo aumentare le commissioni di gestione dello 0,5%. Ma al cliente interessa quanto guadagna.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino28 novembre 2016 | 07:30

“Se non sarà più possibile avere le commissioni di performance ne introdurremo altre”. Pietro Giuliani (nella foto) fondatore e presidente di Azimut Holding in un’intervista oggi ad “Affari&Finanza” non mostra preoccupazioni circa la probabile fine delle performance fee. Giuliani aggiunge: “potremo essere costretti ad aumentare le commissioni di gestione mediamente dello 0,5%”. Ma ritiene, comunque, che al cliente, più che le commissioni incassate dal gestore, interessi quanto guadagna effettivamente e quest’anno i clienti Azimut hanno guadagnato mediamente l’1,53% al lordo di tasse rispetto al -0,1% perso dall’indice Fideuram dei fondi comuni.

Nell’intervista Giuliani si sofferma anche su aspetti borsistici del titolo Azimut. “Dalla quotazione ad oggi – spiega – il titolo è cresciuto del 361% più di qualsiasi altro del comparto. E il Ftse Mib nello stesso periodo è sceso dal 40%”. “Nel 2016 saremo al quarto posto per dividend yield con il 7%”, pur in un anno di ristrutturazione del gruppo.
Giuliani spiega poi che Azimut quest’anno ha investito 200 milioni sui mercati esteri, soprattutto le piazze emergenti: “Va detto però che all’estero abbiamo circa il 17% delle masse gestite. Il che vuol dire che non abbiamo fatto un cattivo affare”.
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fondi, Abigail presidente di Fidelity

La figlia di “Ned” Johnson, già ceo, succede al padre alla testa del grande asset manager ameri ...

Unicredit sottotono nonostante Pioneer e Yapi Kredi

UNICREDIT SOTTOTONO, IL 3 LUGLIO CLOSING PER PIONEER – Unicredit in calo dello 0,76% a 15,73 e ...

Bad bank popolari venete: quanto valgono le partecipazioni da cedere?

UN TESORETTO TRA 700 E 1.200 MILIONI – Quanto possono valere le partecipazioni che la “bad b ...