Deutsche AM: nel 2017 rendimenti positivi ma non esaltanti

A
A
A

Deutsche Asset Management prevede un 2017 positivo ma non eccezionale, con rendimenti “mid-single digit” per tutte le asset class. Crescita e inflazione in lieve accelerazione

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 novembre 2016 | 12:03

DEUTSCHE AM OTTIMISTA MA NON EUFORICA – Ottimistiche, ma non euforiche, così Stefan Kreuzkamp, Chief investment officer di Deutsche Asset Management, descrive le sue previsioni sui mercati finanziari mondiali per il 2017. Rendimenti “mid-single digit” (attorno al 5%, ndr) sono il massimo che ci si può attendere in tutte le asset class, secondo il gestore che poi aggiunge: “Per il 2017 non riponiamo grandi speranze sulla crescita economica e su rendimenti molto alti dei mercati dei capitali”.

LA POLITICA CONTINUERA’ A PESARE – Detto questo, continua l’esperto, “non temiamo la recessione nelle grandi regioni economiche. Tuttavia, le decisioni politiche e delle banche centrali potrebbero innescare ulteriori flessioni del mercato a breve termine”. Lo scenario politico resta per Kreuzkamp l’incognita principale: il problema irrisolto della Brexit e le elezioni che si terranno in alcuni paesi chiave in Europa evidenziano come i riflettori siano nuovamente puntati sul futuro dell’Unione europea (Ue), sul nazionalismo e sul protezionismo.

ACCELERAZIONE CRESCITA E INFLAZIONE ANCORA LIEVE – Quanto ai fondamentali macroeconomici, il numero uno di Deutsche Asset Management parla di accelerazione del ritmo di crescita e dell’inflazione “soltanto lieve” per il 2017 e di una crescita del Pil mondiale del 3,5% (cosa che renderebbe il 2017 l’ottavo anno consecutivo di crescita superiore al 3% come non più accaduto dagli anni sessanta del secolo scorso) assieme ad una ripresa economica nell’Eurozona (+1,3%) trainata soprattutto dai consumi.

PUNTARE SU BOND CORPORATE E GESTIONE ATTIVA – Uno scenario che dovrebbe favorire ancora un dollaro forte e che potrebbe generare rendimenti nel complesso negativi per i bond sovrani in Europa e negli Usa e che porta Deutsche Asset Management a preferire le obbligazioni corporate europee e statunitensi e i titoli di Stato dei paesi europei periferici, mentre sui mercati emergenti alcune obbligazioni sovrane denominate in “hard currency” appaiono interessanti, ma soggette a una maggiore volatilità dei prezzi. Per le borse ci si attende invece mercati volatili e con movimenti laterali che potrebbero rappresentare una fonte di opportunità per gli investitori che adottano un approccio attivo, selettivo e tattico.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank porta in borsa l’asset management

Ti può anche interessare

“Abusivi” degli investimenti, nuove società segnalate dalle autorità di vigilanza

Diverse realtà attive negli investimenti finite nel mirino ...

Blueindex: seduta a passo di carica per le banche italiane

BANCHE ITALIANE IN RIMONTA SUL BLUEINDEX – Il “lieto fine” (almeno per ora) della crisi de ...

Geely dopo Volvo conquista anche Lotus, chi sarà il prossimo?

GEELY PRENDE IL CONTROLLO DI LOTUS – Mentre non si spengono le voci, peraltro finora prive di conc ...