Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi4 gennaio 2017 | 12:51

PETROLIO E DOLLARO RIACCENDONO L’INFLAZIONE – Dopo un periodo prolungato di inflazione prossima a zero, il deciso rialzo dei prezzi del petrolio (da fine novembre, quando l’Opec e la Russia hanno deciso di tagliare le rispettive produzioni, il prezzo dei future sul greggio è risalito di una decina di dollari al barile), in un momento in cui il dollaro ha continuato a rafforzarsi sull’euro, sembra aver riacceso spinte inflazionistiche da tempo sopite nel vecchio continente.

IN GERMANIA GLI AUMENTI PIU’ CONSISTENTI – Così se ieri la Germania aveva già annunciato un’inflazione dell’1,7% annuo in dicembre, oggi Eurostat fornisce il quadro completo con il dato medio di Eurolandia che segna +1,1% annuo dal precedente +0,6% di novembre e contro un consensus di +1%. L’accelerazione è visibile anche a livello “core” (ossia depurato degli aumenti di generi alimentari ed energetici): +0,9% annuo dal +0,8% di novembre.

PER L’ITALIA UN 2016 IN DEFLAZIONE – L’Italia per il momento resta indietro: a dicembre, segnala oggi l’Istat, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,4% rispetto a novembre e dello 0,5% rispetto a dicembre 2015, mentre l’inflazione “di fondo” sale a +0,6% dal +0,4% del mese precedente e il dato al netto dei soli beni energetici segna +0,7% (da +0,4%). In media d’anno, nel 2016 i prezzi al consumo hanno registrato una variazione negativa (-0,1%), come non succedeva più dal lontano 1959 (quando la flessione fu pari a -0,4%) mentre l’inflazione “di fondo” è rallentata a +0,5% dal +0,7% del 2015. Segno che per ora la debolezza dell’economia italica limita la possibilità per le aziende di scaricare sui consumatori gli incrementi di costi legati ai cambi e ai prezzi energetici: durerà?

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Euro debole, lo yuan potrebbe imitarlo a breve

Ti può anche interessare

Rbs perde 6,5 miliardi di sterline, ma il titolo vola in borsa

RBS SI METTE IN LUCE A LONDRA – Royal Bank of Scotland in salita di poco meno del 7% mentre si ...

Blueindex: Mps in caduta, pesa il rischio-referendum

I timori sulle conseguenze negative di una vittoria del "no" al referendum italiano del 4 dicembre m ...

Jupiter rafforza il team italiano con Manzi

Con oltre 15 anni di esperienza nel settore, Erick Manzi contribuirà a sviluppare ulteriormente ed ...