Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi9 gennaio 2017 | 14:16

STERLINA SOTTO PRESSIONE – I crescenti timori che si possa arrivare ad una “hard Brexit”, con l’esclusione delle società britanniche e dei loro prodotti e servizi dal mercato unico europeo, pesa anche in questo avvio di 2017 sulla sterlina, che torna sui minimi delle ultime 10 settimane, con l’euro indicato a 0,8655 contro la valuta inglese, in rialzo dello 0,7% rispetto alla chiusura di venerdì.

IMMIGRAZIONE FARA’ SALTARE OGNI ACCORDO? –  In un’intervista al Sun di domenica la premier Theresa May è tornata a ribadire il concetto che lasciare la Ue significherà  “ottenere la giusta relazione, non mantenere una parte di partecipazione”. In particolare è il tema dell’immigrazione su cui la premier inglese non sembra disposta o in grado di accettare compromessi ed è su questo terreno che potrebbe perdere l’accesso al mercato unico, commentano oggi gli analisti.

HARD BREXIT QUASI CERTA – Secondo alcuni esperti, tra cui Tullia Bucco di Unicredit, citata da Bloomberg, la hard Brexit “è quasi una certezza” e l’unico dubbio vero che rimane “è se la transazione sarà graduale (e pertanto ordinata) o improvvisa”. Theresa May ha promesso di offrire maggiori dettagli sul piano messo a punto per gestire la Brexit “nelle prossime settimane”, ma questo lasso di tempo potrebbe portare ulteriori pressioni sulla divisa britannica.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Ti può anche interessare

Banche in crisi: per le ex popolari venete servono più capitali privati

ANCORA PROBLEMI PER LE EX POPOLARI VENETE – Banche in crisi: i problemi sembrano non finire pe ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con gli interessi

La risposta esatta alla domanda pubblicata lunedì, a proposito del rendiconto degli strumenti finan ...

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

LONDRA IN POLE POSITION – Sarebbe il London Stock Exchange (Lse) della City di Londra ad esser ...