Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi16 gennaio 2017 | 10:21

STERLINA TOCCA NUOVI MINIMI – Sterlina in calo dopo che il Sunday Times ha anticipato ieri come il premier britannico Theresa May sia intenzionata ad andare ad una “hard Brexit” con la rinuncia all’accesso al mercato unico europeo per merci e servizi britannici pur di riguadagnare il controllo dei flussi migratori e poter siglare accordi commerciali bilaterali (probabilmente a partire da un’intesa con gli Stati Uniti, ndr).

CONTRO IL DOLLARO SCIVOLA ATTORNO A 1,20 – La valuta britannica stamane cade a 1,135 contro euro e a 1,2047 contro dollaro, dopo essere anche scesa sotto 1,2 contro il biglietto verde. Su livelli così deboli la sterlina non si vedeva dallo scorso ottobre, quando si era registrato un crollo repentino seguito da un altrettanto rapido recupero di quotazioni nell’arco di pochi minuti.

HARD BREXIT DANNEGGERA’ ECONOMIA – Anche se si è ancora in attesa che la Corte Suprema britannica decida se il governo inglese può attivare autonomamente la procedura per uscire dalla Unione europea o debba aspettare un voto del parlamento, molti trader prevedono che nelle prossime settimane la valuta inglese continuerà a rimanere sotto pressione e potrà toccare ulteriori minimi, in previsione di un severo rallentamento dell’economia britannica in conseguenza proprio dell’abbandono del mercato unico europeo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Brexit, il rischio di un’uscita brusca aumenta

Ti può anche interessare

Peugeot corre dopo acquisto Opel-Vauxhall

PEUGEOT SUI MASSIMI A 12 MESI – Peugeot in rialzo del 4% sul listino di Parigi appena sotto i ...

Usa: il dopo-Harvey potrebbe far sorridere Buzzi Unicem

DOPO HARVEY BUZZI UNICEM RIPARTE – Mors tua, vita mea: mentre negli Stati Uniti sale ancora il ...

Btp Italia, il Tesoro riacquisterà 3 miliardi della quinta emissione

BTP ITALIA, IL TESORO PREPARA RIACQUISTO – Chiusa con 8,6 miliardi di euro l’undicesima emis ...