UniCredit chiede aiuto ai paesi dell'Est

A
A
A

Davos fa bene, Trichet propone un organismo di controllo europeo sulle banche. Sembra invece volgere al termine il caso Fortis, con BNP che alla fine potrebbe portarsi a casa ben poco. Sempre da Davos un sorprendente Alessandro Profumo si apre, aiuti di stato e una battuta bomba, prima dei 60 anni…

di Redazione30 gennaio 2009 | 13:30

L’ultima seduta di gennaio porta “big news” sulle piazze finanziarie. Da Davos, dove si sta tenendo il [a]World Economic Forum[/a], il presidente della Banca Centrale Europea, Jean Claude Trichet, ha lanciato l’idea di creare un organismo europeo che controlli l’operato delle banche, e che abbia anche dei poteri straordinari.

Sembra essere arrivato invece l’accordo sul caso [s]Fortis[/s]. Nella nottata di giovedì il governo belga ha raggiunto un’intesa con la prima banca francese. Dagli accordi iniziali, fissati a ottobre, le cose però sono cambiate. [s]BNP[/s] si dovrà accontentare infatti solo del 10% dell’attività assicurativa del gruppo, per un controvalore di 550 milioni di euro, rispetto al 100% stipulato appunto al primo accordo. Adesso l’ultima parola spetterà agli azionisti, che si riuniranno in assemblea generale l’11 febbraio.

Ma dal belgio le “bad news” non mancano, il gruppo franco-belga [s]Dexia[/s] ha annunciato un taglio del personale, di circa 900 unità. Le aree interessate dall’operazione sarebbero: Australia, India, Scandinavia e Paesi dell’Est Europa. Un segnale questo che conferma anche l’attivo stato di salute di alcuni paesi, come appunto quelli dell’Est, ritenuti fino a ieri particolarmente attrattivi. Per Dexia un 2008 da dimenticare, con perdite stimate di 3 miliardi di euro e un piano di aiuti incrociato di alcuni governi eurpei.

Si fa sempre più interessante la situazione per l’italiana [s]UniCredit[/s]. Da Davos, l’amministratore delegato [p]Alessandro Profumo[/p], ha messo in luce alcune operazioni che potrebbero interessare a breve il gruppo di Piazzale Cordusio.
In primis la richiesta ad alcuni governi che operano con l’Est Europa, come Polonia e Austria, di un intervento statale. Questo per permettere ad alcune divisioni di UniCredit, operanti in questi territtori, di afforntare la situazione particolarmente critica che si stà creando.

Per quanto riguarda l’Italia, Profumo ha fatto sapere di “non escludere un possibile ricorso ad aiuti di stato anche in Italia”, aiuti che per altro rientrerebbero nel piano [p]Tremonti[/p]. Tuttavia il numero uno di UniCredit ha precisato che un possibile intervento statale sul fronte italiano non è implicito ad una situazione patrimoniale grave del gruppo, ma bensì và considerata come garanzia per il futuro. UniCredit ha infatti un Core Tier 1 al 6.7, e lo stesso Profumo ha spiegato che: “basta per tempi normali. Potremmo aver bisogno però di un cuscinetto sul capitale per eventi imprevedibili. Per questo serve attendere il momento giusto”. Intanto da Piazzale Cordusio rendono noti anche i risultati della ricapitalizzazione, una operazione che di fatto ha avuto una adesione praticamente nulla, solo dello 0.48%.
Per quanto riguarda invece la decisione sul Board di UniCredit, indiscrezioni di stampa indicano come imminente un incontro tra le fondazioni, maggiori azioniste del gruppo, le quali potrebbero stabilire i nomi del prossimo consiglio di amministrazione. Tra i nomi in uscita, si parla ancora di [p]Dieter Rampl[/p], attuale presidente del gruppo, che potrebbe essere sostituito da un nuovo manager, di nazionalità italiana.

Sul futuro dell’attuale a.d., Alessandro Profumo, non c’è ancora chiarezza, anche se lo stesso manager, da Davos, non ha escluso di ritirarsi dal mondo della finanza prima dei 60 anni. Calcolando che è nato nel 1957, e che oggi siamo nel 2009, 52 anni non sono ancora vicini ai 60, e forse è bene per Profumo, e per UniCredit, fargli fare un altro mandato.

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche borse (xetra) 68,06 EUR -2,86%
American Express Nyse 16,71 USD -6,38%
Anima Borsa Italiana 1,44 EUR +0,77%
Axa Euronext 13,2 USD -2,33%
Azimut Borsa Italiana 3,79 EUR +1,47%
Banca Generali Bor
sa Italiana
2,73 EUR -3,19%
Bank of NY Mellon Nyse 25,9 USD -7,69%
Barclays Lse 5,64 USD -12,1%
BlackRock Nyse 108,3 USD -9,34%
BNP BNP 29,5 EUR -2,14%
Citigroup Inc Nyse 3,90 USD -7,14%
Credit Agricole Euronext 9,91 EUR -1,35%
Credit Suisse Group Swiss Market Exchange 31,22 CHF -4,20%
Deutsche Bank Deutsche borse (xetra) 20,55 EUR -7,84%
Dexia Euronext 2,6 EUR -2,62%
Fortis Euronext 1,55 EUR -2,57%
FT Inv. Nyse 49,29 USD -9,39%
Goldman Sachs Nyse 82,72 USD -5,67%
Henderson Lse 62.0 GBp -7,46%
HSBC Investments Lse 553 GBp -5,14%
ING Euronext 6,40 EUR -6,18%
IntesaSanpaolo Borsa Italiana 2,48 EUR -1,39%
Invesco Nyse 11,53 USD -11,5%
Janus Capital Group Nyse 5,50 USD -10,8%
Jp Morgan Nyse 25,43 USD -8,06%
Julius Baer Swiss Market Exchange 36,1 CHF -2,10%
Legg Mason Nyse 16,75 USD -7,04%
Man Group Lse 201,7 GBp -9,01%
Mediobanca Borsa Italiana 7,06 EUR -1,19%
Mediolanum Borsa Italiana 2,96 EUR -0,42%
Morgan Stanley Nyse 21,38 USD -7,04%
Montepaschi Siena Borsa Italiana 1,16 EUR -1,78%
Natixis Euronext 1,16 EUR -1,26%
Nordea bank Omxnordicexchange 44,2 SEK -6,35%
Raiffeisen Wiener Borse 15,38 EUR -1,72%
Schroders Lse 750 GBp -2,66%
Skandia (Old Mutual) Lse 53,1 GBp -11,0%
State Street Nyse 24,07 USD -6,59%
Ubs Swiss Market Exchange 14,37 CHF -9,70%
Unicredit Borsa Italiana 1,37 EUR -2,70%
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Leonardo: al mercato la nomina di Profumo non è piaciuta

Mps, archiviazione per Viola e Profumo

Mps, Profumo e Viola indagati

Profumo: “Gli stress test esercizio teorico”

Banche, dopo Mps Profumo conquista Equita sim

Mps, è ufficiale: Profumo lascia la presidenza

Banche, Profumo: in 10 anni metà filiali in meno

Milano evita il rosso, Mps in luce dopo parole Profumo

Ancora una giornata sì per Milano, vola Mps: +5,5%

Mps stabile dopo preannunciato addio di Profumo

UnipolSai sale in attesa della cessione di asset

Euro: il mercato voleva qualcosa in più

Profumo (Mps): l’Unione bancaria livella il terreno di gioco tra i diversi Paesi

Fondazione Mps scende al 35% di Mps

Mps, Profumo elogia Viola: “La banca performerà”

Mps, Proto Organization verso l’aumento della quota

Mps: nessun nuovo socio sopra il 2%. Per ora

Mps vola in Borsa, faro della Consob sul titolo

“Mi piace fare il banchiere”. Guarda il video-intervista a Profumo

Profumo, Mps non ha un piano B per salvarsi

Mps e quei 100 dirigenti di troppo

Mps, è ufficiale: Alessandro Profumo tra i candidati

È già casta padana

Anche il futuro di Pioneer nell’eredità di Profumo

Unicredit, la resa dei conti

Unicredit, oggi il vertice. In 25 vogliono Pioneer

Unicredit, oggi i conti e il bancone

Unicredit: ecco la lista dei manager della rete commerciale

Unicredit riapre il covered bond

Unicredit, destinazione Libia

Unicredit, Piccini country manager Italia

Unicredit vicino il varo del nuovo country manager

Banca Unica, al via il toto-nomine

Ti può anche interessare

Banca Generali, un botto a novembre

La raccolta di 420 milioni porta il totale dell’anno a 4,9 miliardi, in crescita del 24%. Bene anc ...

Referendum, Campora: i mercati ci snobbano

Il d.g. Allianz e a.d. Allianz Bank FA: i mercati ci hanno messo 3 minuti per archiviare il referend ...

L’iPhone day fa correre Stmicroelectronics a Milano

STM SALE ANCORA – Stamane a Piazza Affari Stmicroelectronics supera i 15,95 euro, in crescita ...