Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi7 febbraio 2017 | 12:33

A DICEMBRE CALA LA PRODUZIONE – Berlino, abbiamo un problema, forse: la produzione industriale tedesca è a sorpresa calata in dicembre, complice il calendario delle festività natalizie che ha pesato sul settore manifatturiero e delle costruzioni. La produzione, rettificata per tenere conto dell’inflazione e della stagionalità, è calata del 3% rispetto a fine novembre, quando era salita dello 0,5% rispetto al mese prima. Lo ha annunciato stamane il ministero dell’Economia tedesco.

BERLINO RESTA OTTIMISTA – Il dato si conferma essere molto volatile, tanto che su base annua la variazione è decisamente più contenuta e pari a -0,7%. Il governo di Berlino commentando il dato ha sottolineato l’impatto del minor numero di giornate lavorative nel mese e ha confermato di attendersi uno scenario positivo per l’anno da poco partito. Nel frattempo indici di fiducia sono in calo, anche se la disoccupazione  è calata sui nuovi minimi storici e numerosi indici sull’attività delle industrie si mantengono attorno ai massimi degli ultimi tre anni.

GERMANIA ESPOSTA AL “RISCHIO TRUMP” – In realtà nonostante tutte le cautele e le spiegazioni del caso, il dato appare un campanello d’allarme per l’economia tedesca, che sembra vulnerabile ad eventuali ulteriori misure protezionistiche degli Stati Uniti di Donald Trump, proprio mentre si andranno ad aprire i complicati negoziati per dare corso alla Brexit e fare uscire quanto più ordinatamente possibile la Gran Bretagna dall’Unione Europea al termine dei prossimi due anni. Per il momento tuttavia il dato non sembra impensierire il mercato azionario tedesco, con la borsa di Francoforte che vede il Dax30 salire dello 0,48%.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Ti può anche interessare

Mattone in crisi a Londra

LONDRA, BOOM IMMOBILIARE ALLE SPALLE – Il boom del mattone a Londra? E’ ormai acqua passata, ...

Martini passa da UniCredit Factoring a Icbpi CartaSi

Il manager è stato nominato direttore della Business Unit Payments & ATM. Martini riporterà a ...

Unipol stabile, Bper Banca in rialzo in un valzer di rumor e dichiarazioni

UNIPOL PRONTA A SALIRE IN BPER – Unipol resta sotto i livelli di ieri sera a Piazza Affari, os ...