Mifid 2 e whistleblowing

A
A
A

L’intento è quello di prevenire, individuare e contrastare possibili illeciti, nonché diffondere la cultura della legalità all’interno delle organizzazioni.

Gaetano Megale, Progetica di Gaetano Megale, Progetica7 luglio 2017 | 05:38

Il decreto legislativo di recepimento della direttiva Mifid 2 impone a intermediari e imprese di assicurazione di adottare procedure specifiche di “whistleblowing” per la segnalazione da parte del personale interno di atti o fatti che possano costituire violazioni delle norme. L’intento è quello di prevenire, individuare e contrastare possibili illeciti, nonché diffondere la cultura della legalità all’interno delle organizzazioni. La letteratura internazionale pone diversi dubbi circa i benefici del whistleblowing in rapporto a diverse conseguenze negative riscontrate, laddove l’interrogativo fondamentale è relativo alle condizioni di un’efficacia soddisfacente. Le esperienze italiane non sono particolarmente entusiasmanti. Per esempio, l’Anac ha evidenziato che dal 2014 al 2016 sono state ricevute solo 299 segnalazioni, nonostante la garanzia di assoluta riservatezza al segnalante. È evidente che l’inefficacia di questo strumento ha una radice culturale e ciò ripropone il tema che una normativa o un meccanismo organizzativo da soli non sono sufficienti a raggiungere gli obiettivi che si propongono. Le ricerche sul whistleblowing dimostrano che alla base della decisione del segnalatore ci sono principalmente motivazioni morali nobili, quali quella di contribuire al miglioramento dell’organizzazione e della società o di fare la cosa giusta. Per questo motivo il whistleblowing dovrebbe essere preceduto, accompagnato e sostenuto da attività educative che consentano lo sviluppo del ragionamento etico degli individui. Altrimenti non si può che attendere il suo fallimento, con l’ulteriore conseguenza di generare, soprattutto negli individui più sensibili ai temi etici, la percezione che nulla possa cambiare e quindi sterilizzare qualsiasi intento civile di contrasto all’immoralità e all’illegalità.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Rovinarsi sui mercati ai tempi di Mifid 2

ConsulenTia18/Orsi (M&G): “Gestire Mifid 2 con le partnership”

Mifid 2, i consulenti chiedono aiuto per gestire il cambiamento

ConsulenTia18/Bosisio (Mediolanum): “La burocrazia non seppellirà la consulenza”

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Mifid 2 e certificati, i CF Webinars ripartono da ConsulenTia

L’era del caos creativo

Le regole e la Zona Grigia

Banco Bpm e Mifid 2, tensioni nella rete tra azienda e sindacati

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Mifid 2, le banche in ritardo nell’applicarla

Mifid 2, più consulenza evoluta e a pagamento

Cf e Mifid 2, cosa cambia nel rapporto con i clienti

Mifid 2, il limbo italiano degli incentivi e della product governance

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Mifid 2, Mossa: “Vincono i professionisti vicini al cliente”

Mifid 2, extra entrate per 3,5 miliardi

Mifid 2, gran confronto tra le reti

Mifid 2, disguidi in partenza per i consulenti delle banche

Mifid 2, i consulenti si aspettano meno profitti

Tutto quello che avreste voluto sapere sui costi di Mifid 2 (ma non avete mai osato chiedere)

Recepimento Mifid 2, facciamo il punto

Mifid 2 parte con un’eccezione sui derivati

Mifid 2, Megale: “Cosa non cambia”

Mifid 2, Foti: “Serve più efficienza”

Mifid 2, Bafunno: “Perché è un passo indietro”

Mifid 2, così aumenterà la trasparenza dei costi

Mifid 2, istruzioni per l’uso

Idd, la Mifid delle polizze slitta a ottobre 2018

Fintech e Mifid 2, così cambierà il settore finanziario

Mifid 2, Invesco rafforza il team legale con Pisanti

Scolari (Ascosim): “Mifid 2, serve più informazione”

Grande successo per ITForum Milano, sfoglia la gallery fotografica

Ti può anche interessare

Preferenza a sorpresa

Che differenza coi risparmiatori Usa. Per gli italiani va bene l’advice “ristretta”. ...

Ricetta per il longevity risk

In Italia 17mila persone hanno almeno 100 anni di età. Ne sono stimate 157mila per il 2050. Senza a ...

Il Fintech in un limbo. Ci vogliono regole

La finanza digitale prospera nel totale vuoto normativo rispetto a banche e consulenti. Mentre le li ...