Articolo 30 bis tra desiderio e realtà

A
A
A

Il tema di maggiore attenzione e conflitto del decreto è l’inquadramento del servizio di consulenza e dell’offerta fuori sede.

Giuseppe G. Santorsola di Giuseppe G. Santorsola7 luglio 2017 | 05:41

Con lentezza e incertezze prosegue l’attuazione della direttiva Mifid 2. Il tema di maggiore attenzione e conflitto del decreto è l’inquadramento del servizio di consulenza e dell’offerta fuori sede. Mi sono spesso espresso sul primo tema dovendo adattare la mia opinione di fondo rispetto alle obiettive condizioni sproporzionate del mercato. Tutti gli operatori sono di fatto consulenti e l’Ocf li registra in tre elenchi separati. Con l’articolo 30 bis si intende regolare l’attività fuori sede del servizio consentendola a tutti e tre su proposta del Mef, con il consenso della Consob e l’opposizione degli ex promotori. Con le dovute cautele e la massima comprensione delle varie motivazioni, desidero sottolineare tre aspetti:
– se la consulenza è consentita alle tre categorie, non vi sono motivi logici per negarne l’esecuzione fuori sede a ciascuna;
– se l’ostacolo è di natura giuridica per la responsabilità per eventuali danni verso il risparmiatore, si può cambiare la norma, non escludere l’operatività per i fee only; ritengo invece che le società di consulenza debbano proteggere i loro cf in termini di responsabilità;
– le caratteristiche stesse della consulenza reclamano l’attività fuori sede, per meglio interpretare obiettivi, propensioni e caratteristiche del cliente; la comprensione dei bisogni e la ricerca della loro soddisfazione tramite strumenti e servizi finanziari deve basarsi su una completa e trasversale valutazione delle peculiarità e dei comportamenti del cliente. Mi permetto di sottolineare come logiche di divieto non corrispondano a principi di concorrenza; l’obiettivo di proteggere l’utente finale può essere raggiunto con soluzioni diversificate e senza imposizioni che renderebbero inefficiente l’operato dei fee only e delle Scf. Tutto ciò tenendo conto che quasi 40 anni di vicinanza agli ex pf mi consentono di valutarne il loro costante successo. Recenti esperienze mi confermano che molti ex pf bancari e di sim necessitano di colmare lacune professionali prima di poter operare con competenza nella consulenza tied.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bafunno: “Perché Mifid 2 è un passo indietro”

Mifid 2, scongiurare il braccio di ferro Consob-Ivass

Mifid 2, governo a un bivio su Bcc e casse rurali

Bufi (Anasf): “Perché la Mifid 2 avvantaggia noi cf”

Mifid 2 e Banca Generali, pioggia di lodi dagli analisti

Mifid 2, difficile bilanciamento tra costi e attività strategiche

Il valore della consulenza con la Mifid 2. Se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Mifid 2, perché i consulenti possono guadagnare di più

Il Fintech in un limbo. Ci vogliono regole

Mifid 2 e whistleblowing

Mifid 2, sen. Marino: con 30-bis attività ispettiva Ocf troppo gravosa

Regolamentazione dei mercati europei tra Mifid 2 e Mifir

Mifid 2: i commenti di Ascosim e di Bufi sul parere delle Camere

Mifid 2, deputati e senatori dicono no all’offerta fuori sede dei cf autonomi

Mifid 2, così il recepimento della direttiva slitta di un mese

Giallo Mifid 2, slitta al 4 luglio il parere delle commissioni

Albo e Mifid 2: scenari, remunerazione e trend operativi

Esma e Mifid 2, guarda il videoconfronto tra consulenti e commercialisti

Mifid 2, Kempen Capital abbuona ai clienti una parte di costi

Mifid 2, passi avanti in Senato

Consob alla Camera: riscrivere il Tuf. Il video dell’audizione su Mifid 2

Regole Esma e Mifid 2, come vendere un fondo extra-europeo

La Mifid 2 in pillole

Esma e Mifid 2, gli obblighi dei cf nel costruire i portafogli

Esma e Mifid 2, i doveri delle reti e dei consulenti

Mediobanca: “i prodotti delle reti costano un po’ troppo”

Mifid 2, la rivoluzione prossima ventura

Vendere certificati e prodotti strutturati: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Regole Esma, la classificazione della clientela è il tallone d’Achille

Consigliare l’acquisto di un’azione: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Quando una minaccia diventa un’opportunità

Mifid 2 e gli elefanti sui tavoli di cristallo

Vendere un fondo: ecco cosa cambia con le regole Esma

Ti può anche interessare

Performance e servizio

"Non ci casco" di Paolo Martini, co-direttore generale Azimut Holding ...

La quiete prima della tempesta

L'editoriale del numero di dicembre 2016 di Bluerating ...

Rivolgersi al Giudice Tutelare per i buoni postali intestati al figlio

Due coniugi miei clienti, entrambi con reddito, desiderano incassare i buoni postali fruttiferi inte ...