I furbetti del conticino

A
A
A

Dalla rubrica Soldiweb di BLUERATING

Alessandro Rossi di Alessandro Rossi7 luglio 2017 | 06:00

Nella vita capita spesso di incontrare uno più bravo, uno più ricco, uno più fortunato o uno più furbo. Se accade per le persone normali accade sicuramente anche tra i banchieri, dove non è difficile incontrare quello più furbo. Sì perché è una categoria molto diffusa tra i vertici del-le banche. Lasciamo stare i casi più eclatanti da Banca Etruria alle banche venete, dove la furbizia ha rasentato i limiti criminali, ma andiamo sui furbetti del conticino. Li stanno mettendo a nudo alcuni fatti notati da loro colleghi meno furbetti e più attenti al rispetto del cliente. Che ce li hanno subito segnalati. Cominciamo con il fenomeno del momento: i Pir, Piani individuali di risparmio.
Questo nuovo strumento arrivato sul mercato grazie a un provvedimento del governo d’ini-zio anno, ha portato e sta portando un fiume di denaro verso società del risparmio gestito e banche. La particolare formula dei Pir con-sente a chi li sottoscrive di non pagare tasse se l’investimento resta immobilizzato per almeno 5 anni. I Pir in compenso devono per legge investire in imprese italiane in azioni o obbligazioni. Ed ecco che allora il banchiere furbetto del conticino infila una serie di belle (o brutte) obbligazioni della propria banca nei Pir destinati ai suoi clienti. No, così non si fa. Ma c’è dell’altro. Alcune grandi banche, non solo italiane questa volta, ma che comunque operano in Italia, consigliano ai clienti più facoltosi di rivolgersi a family office di loro fiducia ma di discutibile spessore professionale, magari basati a Lugano o a Chiasso (chissà perché?), in un oscuro ufficetto, ovviamente senza nessuna autorizzazione né controllo di alcuna autorità, aiutati dalla legge che lo consente. Insomma un signore qualunque, amico della banca, senza controllori né revisori dei conti, va bene, secondo certe banche, per fare da consigliori a un ricco signore e alle sue fortune. E le sim autorizzate che si sottopongono ai controlli di Bankitalia, Consob, società di revisione e magari anche a qualche autorità di controllo estera? Quelle possono arrangiarsi. Se ovviamente non hanno santi in paradiso.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn4Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Citigroup promuove i Pir, plaude a Banca Mediolanum

Polizze, anche Generali lancia i suoi Pir

Investire nelle pmi, Mediolanum a tutto campo sui Pir

Imprese, risparmio e Pir: se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Tenani (Schroders): “Pir? Nessuna bolla, multipli interessanti”

Polizze, Eurovita lancia i suoi pir

Pir a tutto tondo, Widiba e Anima ne parlano a Milano

Doris: boom Pir, 1,3 miliardi a giugno

Pir, Widiba ci crede e spiega perché in un roadshow in 12 tappe

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Anche i PIR vanno in vacanza

I pir? Un affare ma occhio ai costi

Banca Mediolanum, vento in poppa con i Pir

Pir, a qualcuno piace vincere facile?

Debutta il primo Pir de La Financiere de l’Echiquier

Partenza boom per i Pir di Amundi

Bnl Bnp Paribas lancia tre polizze Pir

Allianz Azioni Italia All Stars diventa Pir compliant

Equita: “Ci sarà un boom dei Pir, grazie a B.Mediolanum e agli altri big”

Fope si mette in luce a Piazza Affari

Due Pir firmati New Millennium

Fondi azionari Italia, chi ha reso di più dall’inizio dell’anno

Anima in testa nella Pir selection di Banca Imi

SdR17, Doris (B.Mediolanum): “Pir, volano per il gestito e l’Italia”

Arrivano i Pir di Fideuram Ispb

Pir, volano per l’Aim Italia

I Pir entrano nella piattaforma di Fineco

Pir, quelle agevolazioni fiscali ancora a rischio

I Pir di Anthilia in rampa di lancio

Lyxor lancia il primo Etf Pir compliant

Sella Gestioni raddoppia sui Pir

Pir, come farseli da soli

Pir col turbo, Eurizon raccoglie 100 milioni in 2 settimane

Ti può anche interessare

Il bicchiere mezzo vuoto, il bicchiere mezzo pieno

Tutti i consulenti finanziari italiani dovrebbero leggere con attenzione un report recente scritto d ...

Digitali ma con il cuore

La fase che i mercati finanziari stanno vivendo è molto delicata e mai come ora lo sconcerto dei r ...

L’Italia è un problema, ma non il principale

Ricordate la Brexit? O ve ne siete già dimenticati? In caso di vittoria del “Leave” doveva succ ...