Definire il rischio è un po’ rischioso

A
A
A

Da numero di agosto di BLUERATING

Denis Masetti di Denis Masetti4 agosto 2017 | 06:10

L’Esma, l’autorità europea che vigila sui mercati finanziari, ha definito la product governance per le società di gestione e di distribuzione di servizi finanziari. Ora il legislatore italiano dovrà chiarire i criteri di applicazione, ma il quadro appare complesso. Infatti definire i prodotti in base al criterio di rischio è assai controverso. Alcuni esempi: fino a pochi anni fa i prodotti bancari erano sicurissimi, i titoli di Stato ora sono definiti sicuri, ma certamente esempi di default di Stati più che rispettabili non mancano. Dulcis in fundo, è certo che gli investimenti azionari sono insicuri e pertanto non possono essere venduti agli investitori ‘completamente avversi al rischio’. Quindi prima i consulenti dovranno fare al cliente l’esame per verificare la sua preparazione finanziaria, e se questo esame viene superato si potrà definire a quanto ammonta il livello di perdite che il cliente è disposto a tollerare. Se dirà: zero (come è giusto che dica la gran parte dei piccoli risparmiatori) allora nessun investimento azionario sarà consentito. Non si parla di durata, di lungo periodo, di diversificazione: solo delle caratteristiche di volatilità del prodotto e delle garanzie accessorie e legali dello strumento finanziario. Tutto questo è utile ma non basta: la logica del capitale garantito, senza la possibilità di perdere nemmeno un centesimo, si ottiene con l’uso intelligente di più componenti, tra cui una gestione attiva e professionale e un’ampia diversificazione degli investimenti. Le regole restrittive serviranno a poco: solo a comprimere il mercato finanziario e a renderlo meno efficiente. Credo che il mercato vada regolato con poche norme e reso più competitivo. In futuro più consulenti ci saranno e più i prodotti offerti saranno migliori. Oggi siamo nell’era della democrazia informativa: il web, i social e la condivisione dal basso consentiranno ai risparmiatori di comprendere meglio quali sono le opportunità del mercato e acquisire, giorno dopo giorno, più competenza e di conseguenza coscienza critica sui rischi dei diversi strumenti finanziari.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Al passo con i tempi

Editoriale di Bluerating gennaio 2017 ...

Gli investitori più fortunati

Rubrica "YouInvest" da Bluerating di gennaio 2017 ...

Guardando al dito si dimentica la luna

Niente offerta fuori sede per i consulenti autonomi. Si limita la concorrenza o si tutela meglio la ...