Definire il rischio è un po’ rischioso

A
A
A
Denis Masetti di Denis Masetti21 agosto 2017 | 09:56

L’Esma, l’autorità europea che vigila sui mercati finanziari, ha definito la product governance per le società di gestione e di distribuzione di servizi finanziari. Ora il legislatore italiano dovrà chiarire i criteri di applicazione, ma il quadro appare complesso. Infatti definire i prodotti in base al criterio di rischio è assai controverso. Alcuni esempi: fino a pochi anni fa i prodotti bancari erano sicurissimi, i titoli di Stato ora sono definiti sicuri, ma certamente esempi di default di Stati più che rispettabili non mancano. Dulcis in fundo, è certo che gli investimenti azionari sono insicuri e pertanto non possono essere venduti agli investitori ‘completamente avversi al rischio’. Quindi prima i consulenti dovranno fare al cliente l’esame per verificare la sua preparazione finanziaria, e se questo esame viene superato si potrà definire a quanto ammonta il livello di perdite che il cliente è disposto a tollerare. Se dirà: zero (come è giusto che dica la gran parte dei piccoli risparmiatori) allora nessun investimento azionario sarà consentito.

Non si parla di durata, di lungo periodo, di diversificazione: solo delle caratteristiche di volatilità del prodotto e delle garanzie accessorie e legali dello strumento finanziario. Tutto questo è utile ma non basta: la logica del capitale garantito, senza la possibilità di perdere nemmeno un centesimo, si ottiene con l’uso intelligente di più componenti, tra cui una gestione attiva e professionale e un’ampia diversificazione degli investimenti. Le regole restrittive serviranno a poco: solo a comprimere il mercato finanziario e a renderlo meno efficiente. Credo che il mercato vada regolato con poche norme e reso più competitivo. In futuro più consulenti ci saranno e più i prodotti offerti saranno migliori. Oggi siamo nell’era della democrazia informativa: il web, i social e la condivisione dal basso consentiranno ai risparmiatori di comprendere meglio quali sono le opportunità del mercato e acquisire, giorno dopo giorno, più competenza e di conseguenza coscienza critica sui rischi dei diversi strumenti finanziari.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn6Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cfds, opzioni binarie e speculazione, Esma entra a gamba tesa

Esma, giro di vite su cfd e opzioni binarie

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Nafop all’Esma: valutazione di adeguatezza sì, ma sul portafoglio

Securities markets: chiamata congiunta da Consob, Esma e Bocconi

Valutazione dell’adeguatezza, Ascosim risponde a Esma

Consulenti, con Mifid 2 cambiano i requisiti di adeguatezza

Market abuse, i chiarimenti dell’Esma sui doveri dei consulenti

Consulenti: l’Esma rivede i requisiti di adeguatezza

Esma, come certificare conoscenze e competenze dei consulenti finanziari

Esma e Mifid 2, guarda il videoconfronto tra consulenti e commercialisti

Regole Esma e Mifid 2, come vendere un fondo extra-europeo

Esma e Mifid 2, gli obblighi dei cf nel costruire i portafogli

Esma e Mifid 2, i doveri delle reti e dei consulenti

Vendere certificati e prodotti strutturati: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Regole Esma, la classificazione della clientela è il tallone d’Achille

Consigliare l’acquisto di un’azione: cosa cambia per i cf con le regole Esma (e con la Mifid 2)

Bufi (Anasf): “Esma, buon compromesso”

Vendere un fondo: ecco cosa cambia con le regole Esma

Consulenti e reti, la mazzata delle regole Esma

Ambrosi (Efpa Italia): “Ecco i punti cruciali del documento Esma”

Focus necessario sui requisiti

Diligenza sui prodotti? Non tocca solo al consulente

Vegas (Consob): “Prospetto inefficace, necessario il Kid per informare l’investitore”

Falsi fondi attivi, è ora di fare i nomi

Aberdeen taglia le commissioni sul fondo dei mercati emergenti

Promotori, Nafop dice la sua sulla direttiva Esma

Esma, Anasf ribadisce: no alla ”clausola di salvaguardia”

Promotori sotto la lente dell’Ue

Tutela del risparmio, Scolari è nel comitato consultivo dell’Esma

Fondi, Afge chiama a raccolta gli intermediari finanziari per parlare di orientamenti Esma

Vendite allo scoperto, l’Esma avvia una consultazione pubblica

Fondi, è online la traduzione ufficiale degli orientamenti Esma

Ti può anche interessare

Focus necessario sui requisiti

Rubrica Youinvest di Marco Liera da Bluerating di febbraio 2017 ...

Soffia il vento della disruption

Nell’aria che si respira si avverte un forte vento di cambiamento: sarà che è in atto finalmente ...

Ricetta per il longevity risk

In Italia 17mila persone hanno almeno 100 anni di età. Ne sono stimate 157mila per il 2050. Senza a ...