Attenti agli anni che finiscono per 7

A
A
A
Alessandro Rossi di Alessandro Rossi16 ottobre 2017 | 06:19

Si dice sempre che la vita è strana. Ma la Borsa non è da meno. Sembra infatti che nel secondo semestre di tutti gli anni che terminano con il numero 7 si verifichino le peggiori performance dei mercati americani. La stagionalità, per quanto puntuale e piuttosto affidabile nel caso di alcune commodities, non è però un criterio d’investimento valido. Facciamo un esempio. I broker dividono l’anno in due fasi: il semestre forte da novembre ad aprile, e quello debole (l’altra parte dell’anno).
Se investissimo nel semestre forte, senza ottenere alcun rendimento positivo, dovremmo secondo questa teoria aspettare altri sei mesi prima di sperare di guadagnare. Se invece comprassimo azioni solo durante le annate che finiscono con la cifra 5 (ottime annate da 180 anni) dovremmo aspettare una decina d’anni tra un investimento e l’altro. Forse è per questo che è meglio considerare la stagionalità un po’ come la probabilità del vento nella navigazione: una variabile marginale. Tuttavia ci sono dei trend stagionali talmente affascinanti da non poter essere ignorati. Prendiamo in considerazione il trend del 7. Guardare i grafici degli anni che terminano con il 7 è inquietante. Dal 1887 al 2017, durante il secondo semestre, i mercati scendono. Questo fenomeno è particolarmente evidente nel caso di settembre, il periodo dell’anno statisticamente più debole. Tutti ricordiamo il market top del 2007, la crisi dei mercati asiatici del 1997 e il crash del 1987. Speriamo che si tratti di mere coincidenze. Per quanto si possa diffidare della stagionalità come unico criterio valido nella scelta degli investimenti, l’evidente ricorrenza del trend non passa certo inosservata.
Nei prossimi anni che termineranno con il numero 7, all’avvicinarsi del secondo semestre, ci ricorderemo che nonostante l’apparente rialzo dei mercati c’è sempre l’eventualità che “per un colpo di sfortuna” scivolino ritracciando l’infausto destino del 7.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Farmafactoring in rosso nel giorno del debutto a Piazza Affari

Pioggia di downgrade sul titolo Mps

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Titolo da monitorare Banca Mps

Titolo da monitorare Nice

Titolo da monitorare Marcolin

Titolo da monitorare Iren

Titolo da monitorare Piquadro

Titolo da monitorare Mondo Tv

Titolo da monitorare Edison

Titolo da monitorare Banca Monte Paschi di Siena

Titolo da monitorare Beghelli

Titolo da monitorare Banca Finnat

Titolo da monitorare Diasorin

Titolo da monitorare Generali Assicurazioni

Titolo da monitorare Banco Popolare di Milano

Raggiunto accordo Ue: l’Euro ne beneficia

Euro sopra 1,3800 nonostante la crisi

Titolo da monitorare Assicurazioni Generali

Titolo da monitorare Lottomatica

Titolo da monitorare – Finmeccanica

Titolo da monitorare – Mediobanca

Titolo da monitorare – Banco Popolare

Finanza da ridere: il consulente

Titolo da monitorare – Ubi Banca

Titolo da monitorare – Mediaset

Etf – Non si gioca a Mosca cieca

Titolo da monitorare – Telecom Italia

Ti può anche interessare

Non è una professione per giovani

Da BLUERATING di luglio ...

Il fragile futuro dei diritti pensionistici

Le crisi finanziarie (da debiti eccessivi o da crediti inesigibili) sono diventate una realtà con l ...

Quando non è l’industria a pagarti, ma il cliente

Il mese scorso ho partecipato a una conferenza per consulenti finanziari abbastanza “disruptive” ...