L’anno della svolta

A
A
A
Denis Masetti di Denis Masetti8 gennaio 2018 | 06:42

Dopo tante discussioni e aspettative è venuto finalmente l’anno della svolta: il 2018 passerà alla storia come il momento di applicazione delle nuove regole alla distribuzione dei servizi finanziari. I soggetti coinvolti si sono a lungo confrontati su cosa sarebbe successo, ma ora si passa dalla teoria alla pratica. La novità più eclatante viene dalla prima banca italiana: Intesa Sanpaolo ha deciso di assumere 500 nuovi dipendenti da destinare all’attività di consulente finanziario. La vera novità è l’assunzione con un contratto ibrido: un part-time da dipendente, a cui si aggiunge un inquadramento come lavoratore autonomo. È il primo passo concreto concordato con i sindacati e che apre la strada al futuro di molte reti bancarie italiane. Nel contempo i consulenti finanziari con mandato continuano
la loro attività esattamente come prima, attenendosi alla nuova normativa e gli effetti saranno legati in parte anche
all’andamento dei mercati. Se i risultati dei servizi offerti saranno buoni il cliente darà meno peso ai costi espliciti, in caso contrario si aprirà un acceso dibattito. I restanti iscritti all’Albo dei consulenti finanziari devono decidere che fare: continuare l’attività come indipendenti fee only o rinunciare all’iscrizione. In ogni caso si apre un forte mercato per chi offre prodotti a basso costo come gli Etf o i fondi quotati. Questo settore vivrà un vero boom.
I family office e le strutture di private banking si orienteranno su strumenti a basso costo per poter poi giustificare le commissioni di consulenza. La stessa cosa per i commercialisti e le nuove categorie che entreranno nella professione e che completeranno il panorama di chi offre servizi finanziari. Per ultimo un ruolo crescente sarà offerto dalle piattaforme fintech e di robo-advisory che hanno una quota marginale, ma che conquisteranno certamente la generazione dei più giovani. Insomma, c’è da divertirsi. E l’aumento della competizione fra le varie categorie, unito alla maggiore trasparenza, non potrà che fare bene al mercato.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Il prezzo della trasparenza

Editoriale del numero di marzo 2017 di Bluerating ...

La consulenza finanziaria e quei 5 milioni di famiglie

Il bacino di un "mercato medio”disponibile a essere servito con un’advisory nuova. Ma ci vuole p ...

Preferenza a sorpresa

Che differenza coi risparmiatori Usa. Per gli italiani va bene l’advice “ristretta”. ...