La vigilanza ha fallito

A
A
A
Fabrizio Tedeschi di Fabrizio Tedeschi9 marzo 2018 | 06:02

Adesso finalmente ci sarà un prezzo ufficiale, ci sarà un mercato, una qualche forma di riconoscimento, ma tutte le
criptovalute, non solo il bitcoin, sono la prova provata della insufficienza e forse anche dell’inutilità della vigilanza.
Com’è potuta nascere una valuta (se tale è o sono) infrangendo il monopolio dello Stato e delle banche centrali o anche delle banche o istituti autorizzati a emettere valuta o altri mezzi di pagamento? Come ha potuto funzionare senza la coattività delle regole rigidissime sulla moneta, in tutti i sensi? Viene quasi da chiedersi se valga la pena di
mantenere in piedi apparati costosissimi per la gestione e il controllo della valuta e dei mercati, quando chiunque può emettere qualcosa che assomigli a una valuta e alla fine le regole che vi presiedono sono rispettate senza interventi dell’autorità. Le vicende delle banche italiane hanno reso manifesta l’insufficienza, per non dire l’inutilità dei controlli; la crescita delle criptovalute estende questa sensazione a tutto il mondo. Come si controllerà la massa monetaria, una volta che manchino i dati per farlo? E come avverranno i controlli antiriciclaggio e di ogni tipo, dal market abuse alla fiscalità? Per ironia della sorte sembra (il dubbio è d’obbligo) che il responsabile ucraino della borsa delle criptovalute (ovviamente borsa “privata”) sia stato rapito con conseguente riscatto anonimamente pagato in bitcoin. Come pure isole caraibiche sono state messe in vendita con pagamento in criptovalute. E non è un mistero che i gruppi estremisti (ma sono solo loro?) raccolgano fondi tramite criptovalute per aggirare i controlli e mantenere l’anonimato dei “benefattori”. Nell’anonimatopiù totale è impossibile per qualunque soggetto obbligato controllare la persona con cui tratta e l’effettivo dominus dell’operazione. Eppure era così semplice adottare un provvedimento da parte degli Stati di messa al bando delle criptovalute. Perché non è stato fatto? Si aspetta forse una crisi?


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bitcoin, arrivano le criptotasse

Lusso al polso e pagamento in Bitcoin

Primi al traguardo con i Bitcoin

La blockchain oltre il bitcoin, rivivi il webinar

Escort e porno, le nuove frontiere dei Bitcoin

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

Dossier fiscale Bitcoin – La questione del riciclaggio

Investimenti, le criptovalute tra minaccia e opportunità

Bitcoin, quante insidie nella moneta virtuale

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini dell’IVA

Dossier fiscale Bitcoin – I riferimenti del regime fiscale

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Il Bitcoin subordinato

Consob, occhio al “Bitcoin code”

Bitcoin nel mirino in Francia

Bitcoin e fondi, questo matrimonio non s’ha da fare

Miliardari coi Bitcoin, storia dei fratelli Winklevoss

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Miccoli (Conio): “I bitcoin? Meglio destinarvi non più dell’1,5% del portafoglio”

Bitcoin, nasce il primo fondo che investe in critptovalute

Bitcoin, mille bancomat in Italia

La corsa del bitcoin? Colpa (o merito) degli hedge fund

Bill Miller, l’ex manager di Legg Mason che punta sui Bitcoin

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Cresce la moda dei cripto-hedge fund

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Goldman Sachs analizza le criptovalute

Swissquote adotta i Bitcoin

Falcon Pb punta sui Bitcoin

Le criptovalute piacciono anche all’ex trader di Credit Suisse

Binck Italia permette di investire nei bitcoin

Goldman Sachs, appello degli hedge fund per coprire i bitcoin

Ti può anche interessare

Mifid 2, costi e opportunità

La prossima entrata in vigore della normativa Mifid 2 ha innescato un dibattito molto acceso tra le ...

Se Amazon vende i fondi

Cosa potrebbe fare Amazon nel risparmio gestito? La domanda riecheggia da quando il colosso fondato ...

La virtù e il bene nelle scelte pensionistiche

E ora tutti – o quasi – a osannare Richard Thaler. Come se fosse necessario vincere un p ...