Dalla Brexit alla Brentry

A
A
A
Alessandro Rossi di Alessandro Rossi9 marzo 2018 | 07:00

Una volta Carlo d’Inghilterra disse che “gli architetti moderni a Londra hanno fatto più danni della Luftwaffe”. Negli ultimi anni si sarà pentito mille volte di quell’affermazione, se solo si sarà fermato a guardare lo skyline della capitale inglese. Chi va a Londra trova una città magnifica, piena di innovazione senza rinnegare la storia, efficiente, funzionale, dal tenore di vita molto alto.
Le preoccupazioni della Brexit sono lontane, anche perché non si notano segnali negativi sull’occupazione e anche il mercato immobiliare, che avrebbe dovuto contrarsi, sembra puntare in alto. Non solo. La BoE (Bank of England) sta pensando di alzare i tassi perché l’inflazione sta risalendo, andando verso il traguardo del 2%. Insomma la Brexit fa bene alla salute dell’economia britannica trasformandola in Brentry, ovvero l’ingresso nei posti più alti di chi conta nel mondo.
Se si rovescia la medaglia però si scopre una situazione completamente diversa. E a rivelarla è stato addirittura il ministero per l’uscita dall’Europa. L’analisi esamina tre degli scenari più plausibili della Brexit: senza accordo con l’Ue la crescita del Regno Unito si ridurrà dell’8% nei prossimi 15 anni rispetto alle stime attuali; con un accordo di libero commercio con l’Ue, la crescita del Regno Unito calerebbe del 5% nello stesso periodo; mentre l’opzione più positiva, che prevede che il Regno Unito mantenga l’accesso al mercato unico, farebbe diminuire la crescita economica al 2%. Chi ha ragione? Difficile a dirsi. Però il mondo non può fare a meno di una delle sue capitali economiche e finanziarie. Inoltre un’Inghilterra debole, a parte qualche scaramuccia molto provincialmente europea, può creare più problemi che vantaggi ai concorrenti. Quindi la vecchia Inghilterra non si arrenderà tanto facilmente.

*rossi@bluefinancialcommunication.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Ti può anche interessare

Gruppi bancari verso il futuro

Una veloce disamina dello scenario bancario evidenzia la crescita quanti-qualitativa di intermediari ...

Truffe senza fine

La notizia dell’ennesima probabile truffa perpetrata ai danni di risparmiatori (in questo caso fri ...

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca

Piattaforme digitali di wm
e riposizionamento sul private Banche e reti si preparano Anche a una s ...