È il capitalismo, bellezza

A
A
A

Rubrica “Soldiweb” da Bluerating gennaio 2017

Alessandro Rossi di Alessandro Rossi29 dicembre 2016 | 14:02

Al momento in cui scriviamo (come si diceva una volta) infuria la lotta per Mediaset tra Vivendi di Vincent Bolloré e la Fininvest della famiglia Berlusconi. Un attacco in piena regola da parte del finanziere bretone a una delle aziende simbolo italiane che ha fatto urlare allo scandalo molti benpensanti della finanza. “Mediaset va difesa in quanto azienda strategica”, ha detto più di un politico e ha titolato più di un giornale. È possibile sull’onda di questo leit motiv che possa intervenire anche il governo utilizzando alcuni commi della legge Gasparri sull’emittenza tv. I primi a difendere la loro azienda dovrebbero essere i proprietari, magari assicurandosi il controllo con il 51% e non facendo sempre le cose all’italiana pensando di comandare con una partecipazione di maggioranza relativa (nel caso poco più del 40%) come sta facendo la Fininvest. Bolloré ha tirato fuori i “dané”, come dicono a Milano, e ha cominciato la sua scalata in Borsa: d’altra parte Mediaset è quotata e a cosa serve la quotazione, solo a far staccare dividendi agli azionisti? Dal momento che sei in Borsa sei pubblico e quindi soggetto agli interessi di altri. Ma lasciamo perdere Mediaset con ragionamenti che rischiano di appartenere al passato. Piuttosto chi si è curato finora delle centinaia (mille negli ultimi 5 anni) di imprese italiane che sono finite in mani straniere? E non si tratta di bruscolini. Alcuni nomi? Indesit, Gucci, Parmalat, San Pellegrino, Bottega Veneta, Krizia, Avio, Bulgari: la lista è lunghissima. Ma queste aziende non sono state predate dallo straniero bensì pagate profumatamente, diverse volte l’ebitda, e alcune sono state sviluppate verso ulteriori soglie di eccellenza come San Pellegrino o Bottega Veneta. Altre invece sono state depredate da sedicenti manager italiani che le hanno spolpate fino all’osso. E allora se si accettano le regole del capitalismo c’è poco da piangere. Se ne vanno i cervelli migliori e le proprietà delle aziende migliori. È il mercato, bellezza.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Media: Verizon guarda a Walt Disney, in Italia per ora niente fusioni multimediali

Mediaset tira il freno, Netflix vola dopo la trimestrale

Mediaset in rosso, Agcom potrebbe stoppare Vivendi

Piazza Affari prova a prolungare il rally di inizio anno

Piazza Affari: il 2017 parte col segno più

Piazza Affari: corrono Saipem e Mediaset, non le banche

Piazza Affari sottotono: cade Mediaset, frena Mps, stabile Eni

Borse europee in rialzo tra annunci e voci di fusioni e acquisizioni

Piazza Affari in salita nonostante gli attentati, vola Mediaset

Piazza Affari avanti piano, Mediaset prosegue la corsa

Piazza Affari vola in scia a Mediaset e Unicredit

Piazza Affari in stallo: al rialzo di Banco Popolare si contrappone il calo di Mediaset

Il recupero di Mps non basta a far correre Piazza Affari

Piazza Affari in rosso: Ferragamo, Unicredit e Mediaset in controtendenza

Piazza Affari avanti piano, si mette in luce Mediaset

Piazza Affari: Mediaset corre, As Roma crolla

Piazza Affari ci riprova, occhio a Eni, Mediaset e Unicredit

Piazza Affari corre fino alla fine, occhio a Mps in serata

Piazza Affari recupera tutto il calo iniziale, tra i titoli brilla Cnh Industrial

Piazza Affari in calo: crolla Mediaset, bancari sotto pressione

Piazza Affari chiude in calo, Mps crolla ancora: -17%

Piazza Affari: la prudenza regna sovrana anche oggi

Piazza Affari: corre Mediaset, in calo Banco Popolare e i finanziari

Piazza Affari, partenza positiva: occhio a Telecom Italia e Mediaset

Carige e Mediaset brillano in borsa a Milano

Milano perde quota, corre Mediaset in calo Bper

Milano attende novità dall’Eurogruppo, Mediaset si mette in luce

Piazza Affari chiude in ripresa, brillano Mediaset e le banche

Mattinata in modesto rialzo per Piazza Affari

A Milano si mette in luce Anima Holding, cede Mediaset

Unipol continua a correre, cede Moncler

Il lusso guida anche oggi il rimbalzo di Milano

Milano parte prudente poi prende coraggio

Ti può anche interessare

I costi (altissimi) dei cyber-rischi

Un cyber attacco su cinque colpisce il settore finanziario. ...

Cambiare per salvarsi

"Contropelo" da Bluerating marzo 2017 ...

Tre giorni per la Brexit, tre minuti per il no

L'editoriale del numero di Bluerating di gennaio 2017 ...