Focus necessario sui requisiti

A
A
A

Rubrica Youinvest di Marco Liera da Bluerating di febbraio 2017

Marco Liera di Marco Liera30 gennaio 2017 | 09:48

La Consob ha aperto alla consultazione fino al 20 gennaio un documento sull’attuazione in Italia della direttiva Mifid 2 sotto il profilo dei requisiti di competenza del personale che per conto degli intermediari finanziari fornisce ai clienti consulenza agli investimenti.

Si tratta di un passaggio molto importante perché gli orientamenti Esma entrano nel merito della preparazione che tutti coloro che prestano attività di consulenza agli investimenti compresi i dipendenti bancari e postali che operano nelle filiali debbono possedere. Attualmente questo personale è sottoposto a requisiti di formazione iniziale e di aggiornamento professionale ai fini Ivass per quanto riguarda il collocamento di polizze assicurative, ma questi requisiti non sono richiesti allorquando presta consulenza agli investimenti finanziari (fondi comuni, obbligazioni, ecc.). La Mifid 2 sanerà questa asimmetria. Ovviamente il documento Consob conferma che i consulenti finanziari iscritti all’Albo sono già “compliant”. Occorrerà che tutto il personale degli intermediari finanziari che si occupa di consulenza agli investimenti, ma che non è iscritto all’Albo, soddisfi i requisiti. Nelle ipotesi contenute nel documento, a chi non è iscritto all’Albo si richiede diploma di laurea con superamento di esami sugli argomenti finanziari identificati dall’Esma o, in assenza, con integrazione successiva verificata da apposito esame. Anche il diploma di scuola superiore, con l’integrazione successiva citata, è per ora ipotizzato come titolo sufficiente.

Oltre ai titoli di studio il documento prevede anche dei requisiti minimi di esperienza (12 mesi) nei servizi pertinenti per comprovare la capacità di svolgere il servizio di consulenza. Molto importante è la parte in cui il documento sancisce la necessità di un percorso continuo di formazione e sviluppo professionale per il personale citato, da verificare con corsi ed esami tenuti “almeno su base annuale”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Diligenza sui prodotti? Non tocca solo al consulente

Vegas (Consob): “Prospetto inefficace, necessario il Kid per informare l’investitore”

Falsi fondi attivi, è ora di fare i nomi

Ti può anche interessare

Il prezzo della trasparenza

Editoriale del numero di marzo 2017 di Bluerating ...

Digitali ma con il cuore

La fase che i mercati finanziari stanno vivendo è molto delicata e mai come ora lo sconcerto dei r ...

Il nuovo mondo delle banche

Da Bluerating di gennaio 2017 ...