Morgan Stanley, la priorità è il private banking

A
A
A
Private di Private30 novembre 2015 | 01:00

Morgan Stanley si concentra sul mercato private banking e il suo nuovo piano di retribuzione per gli oltre 2.000 dei 15.800 consulenti in forza all’istituto riflette questa strategia. “Vogliamo che i nostri servizi di private banking siano la nostra priorità strategia”, ha commentato Greg Fleming, presidente della divisione wealth management. “E anche per il 2016 ci impegneremo a estendere questo servizi per portare valore alla nostra gestione patrimoniale”.

Proprio per dare maggiore impulso a queste attività, l’unità wealth management della banca d’affari statunitense sta lanciando un sistema di incentivi per i propri consulenti, che possono ricevere dai 5.000 ai 50.000 dollari all’anno. Per potere beneficiare di questo bonus, i consulenti dovranno avere 5 nuovi clienti con un saldo medio di flusso di cassa giornaliera di 50.000 dollari o 5.000 dollari al mese di raccolta diretta. Inoltre, devono registrare una crescita aggregata del totale nella loro raccolta diretta di 125.000 dollari per l’intero 2016. Anche i collaboratori di questi advisor potranno ricevere tra i 1.200 e i 12.500 dollari per i loro sforzi che hanno come obiettivo la crescita di questo tipo di clientela.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Banca Ceresio rafforza il management

Doppio ingresso per Banca del Ceresio. Il gruppo svizzero appartenente alla famiglia Foglia, atti ...

Consilium acquista River

Colpo per Consilium Sgr, che attraverso il fondo Consilium Private Equity Fund III, acquista la m ...

Irlanda, Julius Baer a caccia di milionari

A caccia di clienti milionari in Irlanda. E’ la strategia seguita dal gruppo svizzero Julius Baer ...