Gli alternativi spingono per Brexit

A
A
A
Private di Private29 febbraio 2016 | 01:00

Ufficialmente la comunità finanziaria è tutta schierata per il “no” all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Numerosi esponenti di primo piano del settore si sono esposti per sottolineare le ricadute negative che deriverebbero al Paese in caso di vittoria dei “si”, a cominciare dal rischio che molti big spostino i loro headquarter del Vecchio Continente verso Bruxelles o Francoforte.
In realtà, sottolinea oggi il Financial Times, tra i fondi hedge non sono pochi quelli che tifano per Brexit, anche se non lo fanno esplicitamente. La ragione è legata a tutta una seri di regole introdotte dall’Ue dopo la crisi finanziaria, che limita il ricorso alla leva da parte dei fondi alternative. Misure introdotte per evitare nuove crisi sistemiche, che da alcuni gestori vengono evidentemente sentite come restrizioni alla loro possibilità di movimento.

Luigi dell’Olio

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fondi sovrani, quello norvegese investe nel private equity

Ha mille miliardi a disposizione da investire e ne vuole destinare una parte (ovviamente minoritaria ...

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Il super-euro potrebbe avere i giorni contati. Secondo un report di Ubs Wealth Management, la moneta ...

Mediobanca, la sfida del private banking

La crescita nel private banking è uno dei punti focali del piano di sviluppo messo a punto dal gr ...