Alla conquista degli imprenditori hi-tech cinesi

A
A
A
Private di Private29 febbraio 2016 | 01:00

Il rallentamento della crescita cinese è uno dei principali fattori d’allarme per i mercati finanziari. Eppure questa notizia non deve offuscare quanto sta avvenendo nel Paese più popoloso al mondo, dove il numero di milionari cresce a vista d’occhio. Attirando così sempre più private bank occidentali. Il nuovo filone di scontro è dato da coloro che hanno accumulato fortune investendo in startup tecnologiche. Non solo nomi famosi, ma anche aziende di ridotte dimensioni, ma con un elevato potenziale di crescita.
Ecco perché tra le banche private nessuno ha finora immaginato di ridurre la presenza a Pechino e Shanghai, anzi in alcuni casi sono in programma rafforzamenti delle strutture.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Per le Indie, con ritorno

Il nome Banca dell’Indocina riporta indietro a un’era in cui bastava un solo istituto per presid ...

Osservatorio Liuc-Banca Generali: cresce la ricchezza delle famiglie

La ricchezza private delle famiglie italiane cresce dell’8% nel 2016 con una maggiore tendenza ...

Lombard Odier Pb, campagna acquisti a Londra

Nonostante la Brexit, le case di investimenti europee continuano a puntare sul Regno Unito ...