Quelle inutili ispezioni

A
A
A
Marcello Gualtieri di Marcello Gualtieri31 marzo 2016 | 02:00

Marcello Gualtieri*

Il compito di una authority efficiente dovrebbe essere di prevenire i fallimenti del mercato lasciato a se stesso e senza regolatori. Per capire quello che esattamente non deve fare una authority per assolvere al suo compito basta prendere come esempio la Banca d’Italia e il suo servizio ispettivo.

Le falle nei controlli

Prendiamo il caso di Banca Etruria. L’ultima ispezione si è protratta per 4 mesi: da novembre 2014 a febbraio 2015. La precedente ispezione era durata ancora di più: da marzo a settembre 2013; in proporzione, una analoga ispezione di Unicredit o Intesa SanPaolo sarebbe durata 10 anni. Al termine dell’ultima ispezione le relative contestazioni sono state inviate a dicembre 2015, dopo 10 mesi. Tempistiche incompatibili con qualunque funzione minimamente preventiva; nel frattempo la Banca è stata commissariata ed è intervenuto il Decreto cd “Salva Banche” (mai nome fu più inadeguato). Allora è evidente che esiste un equivoco di fondo: o si vigila per evitare o limitare le crisi, oppure l’authority non serve a niente. Ancora di meno serve se invece di interagire con l’altra authority che sorveglia il mercato finanziario (Consob), tiene secretato il contenuto dei rilievi e se omette di rilevare, senza usare mezze parole, lo stato di insolvenza del controllato.

La scossa europea
Sarà un caso, ma da quando la sorveglianza è passata alla Bce tutta la polvere (per usare un eufemismo) buttata sotto il tappeto sta venendo fuori: non si può non ricordare il caso della Popolare di Vicenza talmente gigantesco che viene da chiedersi come è potuto accadere sotto il naso della vigilanza nostrana.
E qui veniamo al secondo punto dolente: l’imparzialità. Purtroppo Banca d’Italia non è riuscita a scrollarsi di dosso l’immagine di un controllore… controllato dai controllati. Quell’anomalia tutta italiana di una Banca Centrale il cui capitale è posseduto dal sistema bancario. Come spiegarlo ai risparmiatori vittime delle obbligazioni subordinate?
Quello della permeabilità delle authority ai gruppi di potere e alle lobby dei controllati è un tema di generale interesse e non solo italiano sul quale ritorneremo in questa serie di interventi dedicati alle authority.

* Dipartimento di Economia e Finanza, Università Cattolica del Sacro Cuore-Milano

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Private banking, nuova piattaforma in Asia per Ubs

Il gruppo elvetico investe 1 miliardo di franchi nell’It per migliorare l’efficienza operativa. ...

Bain, affare milionario con Toshiba

La divisione di private equity del gruppo statunitense ha deciso di offrire (con alcuni partner) 18 ...

CVC Credit Partners, lascia il presidente Hickey

Il nuovo presidente sarà Hamish Buckland, che proviene da Triton e in precedenza aveva trascorso 25 ...