Fisco, sì della Camera agli accordi con Vaticano e Liechtenstein

A
A
A
Private di Private31 marzo 2016 | 02:00

Sono stati approvati dall’aula della Camera i disegni di legge di ratifica degli accordi per gli scambi di informazioni fiscali sottoscritti dall’Italia con la Santa Sede e con il Principato del Liechtenstein. La convenzione con lo Stato Vaticano, firmata a Roma il primo aprile 2015, ha registrato 283 voti favorevoli e 12 contrari, mentre l’accordo con il Principato, siglato il 26 febbraio 2015 e che prevede un protocollo e un protocolloaAggiuntivo, e’ stato accolto all’unanimita’ dall’assemblea con 400 si’. Le due intese sono in linea con gli standard internazionali Ocse in materia di scambio di informazioni di natura fiscale, e devono ora passare all’esame del Senato.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Crollano gli utili di Credit Suisse

Credit Suisse archivia il terzo trimestre con un utile netto di 41 milioni di franchi, in calo del 9 ...

Private banking, battaglia all’ultimo cliente

Il Financial Times dedica un ampio reportage al settore della gestione patrimoniale. Con interviste ...

Il private banking entra in una nuova fase

Una crescita media annua del 2,8% dal 2010 in avanti. Sono i numeri dell’avanzata del private ...