Ai miliardari cinesi non piace la beneficenza

A
A
A
Private di Private31 maggio 2016 | 02:00

Il numero dei miliardari in Cina continua a salire, ma le donazioni in beneficenza non seguono lo stesso passo, restando molto lontane dai livelli di Europa e Stati Uniti. Lo rivela un rapporto delle Nazioni Unite, secondo cui le donazioni nel Paese del Dragone ammontano al 4% di quelle realizzate in Occidente, e questo nonostante nel 2015 il numero dei miliardari in Cina sia cresciuto del 38%, secondo Forbes. Una delle principali ragioni del calo delle donazioni è la mancanza di trasparenza nelle organizzazioni caritatevoli del Paese: negli ultimi anni sono stati numerosi gli scandali che hanno coinvolto associazioni di questo tipo.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Private equity, record di operazioni sul mercato secondario

Molti fondi stanno cercando di smuovere i loro portafogli con deal finalizzati a ottenere nuova liqu ...

Banca del Fucino sceglie Barents

Una piccola, ma storica e ben radicata private bank italiana e un gigante mondiale delle riassicuraz ...

Ubs punta sui robot

“Il fintech non cannibalizzerà il credito tradizionale”. Sergio Ermotti (nella foto), ...