Ai miliardari cinesi non piace la beneficenza

A
A
A
Private di Private31 maggio 2016 | 02:00

Il numero dei miliardari in Cina continua a salire, ma le donazioni in beneficenza non seguono lo stesso passo, restando molto lontane dai livelli di Europa e Stati Uniti. Lo rivela un rapporto delle Nazioni Unite, secondo cui le donazioni nel Paese del Dragone ammontano al 4% di quelle realizzate in Occidente, e questo nonostante nel 2015 il numero dei miliardari in Cina sia cresciuto del 38%, secondo Forbes. Una delle principali ragioni del calo delle donazioni è la mancanza di trasparenza nelle organizzazioni caritatevoli del Paese: negli ultimi anni sono stati numerosi gli scandali che hanno coinvolto associazioni di questo tipo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Il wealth management spinge i conti di Morgan Stanley

Trimestrale sopra le attese per Morgan Stanley, che ha registrato un utile netto di  1,8 miliardi ...

Cambio ai vertici per Wells Fargo

Per David Carroll (nella foto) arriva il momento di andare in pensione. Dopo 38 anni di onorata carr ...

I finalisti dei Private Banking Awards: categoria Innovazione nel Wealth management

Si alza il velo sui finalisti dei Private Banking Awards, che verranno assegnati il 22 novembre pros ...