PRIVATE Awards. Ersel regina del mondo hedge

A
A
A
Private di Private30 dicembre 2016 | 01:00

Fabrizio Greco, direttore generale del gruppo Ersel, ha accolto il PRIVATE Awards per i fondi alternativi ripercorrendo la strada della società torinese in questo settore.
“Hedgersel, nato nel 2003, è tra i fondi alternativi di diritto italiano il più longevo ed in questi anni ha dimostrato di essere in grado di navigare i regimi di mercato più diversi, facendo leva sulle competenze di un team di gestione di grande esperienza e sulla strategia event driven, focalizzata su temi di investimento legati alle operazioni straordinarie come fusioni e acquisizioni”, ha ricordato. Nell’attuale contesto di mercato riteniamo che l’utilizzo di prodotti che cerchino di catturare premi al rischio alternativi, come quelli legati al mondo dell’m&a, costituiscano un elemento importante nella costruzione dei portafogli”. In quest’ottica Ersel ha scelto di lanciare, questa volta in veste Ucits, Leadersel Event Driven, fondo che ricalca le strategie di Hedgersel ma rivolto a quegli investitori, privati e istituzionali, che preferiscono strumenti di investimento più standardizzati rispetto ad un hedge. “La tendenza al ribasso dei tassi di crescita degli utili su scala globale impone infatti alle società di cercare i nuovi driver di sviluppo mediante operazioni di crescita esterna”, ricorda Greco. “Quindi il volume delle operazioni straordinarie, di consolidamento e di riorganizzazione sarà a nostro parere un fattore destinato a rimanere importante anche nel prossimo futuro”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Private svizzero, Efg chiude il deal Bsi

Un miliardo e 60 milioni di franchi svizzeri. Tanto è costato alla banca privata svizzera Efg I ...

Hillary felice del supporto dei “veri miliardari”

“Sono molto felice di avere il supporto dei veri miliardari, perché Donald (Trump, ndr) n ...

Esodo di banker da Notenstein La Roche

Dopo un quarto di secolo, Roger Ganz  ha deciso di lasciare Notenstein La Roche.  Un duro colpo ...