Soros vede nero per il futuro dell’euro

A
A
A
Private di Private30 dicembre 2016 | 01:00

“Il futuro dell’euro è a rischio”. E’ la convinzione di George Soros, uno dei più potenti e ascoltati protagonisti del mercato finanziario. Il gestore hedge, da anni dedito alla filantropia, ritiene che la principale minaccia arrivi dal fronte geopolitico. “In Francia i due
principali contendenti per la presidenza”, Marine Le Pen del Front National e François Fillon del centrodestra, «sono vicini a Putin e desiderosi di blandirlo. Se vincerà uno dei due, il dominio di Putin sull’Europa diventerà un fatto compiuto”, sostiene Soros.
Questo porterebbe l’Ue a un passo dalla fine. Per il finanziere di origini ungheresi “le forze della disgregazione hanno ricevuto un forte impulso nel 2016, prima dalla Brexit, poi dall’elezione di Trump negli Stati Uniti e il 4 dicembre dal rifiuto degli elettori italiani, con un ampio margine, delle riforme costituzionali”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Ubs ristruttura il business europeo

A Francoforte verranno concentrate tutte le attività di wealth management onshore del Vecchio Conti ...

Hedge Fund, gli ultimi sopravvissuti

Nonostante le alte commissioni, nel primo trimestre del 2017 i gestori alternativi hanno avuto un al ...

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Secondo un reportage del Financial Times, grandi gruppi finanziari come Ubs, Credit Suisse, Pictet ...