IWBank Private Investments, 2016 in chiaroscuro

A
A
A
Private di Private8 febbraio 2017 | 01:00

Un 2016 a due facce, con raccolta in sensibile crescita e perdita d’esercizio, soprattutto per effetto del calo dei tassi d’interesse. Si è chiuso così il 2016 di IWBank Private Investments, la banca del gruppo Ubi Banca nata nel maggio 2015 dalla fusione di IWBank e di Ubi Banca Private Investment, la rete di consulenti finanziari del gruppo. L’istituto ha approvato il suo secondo rendiconto di esercizio. Per effetto della riduzione dei tassi medi di mercato, il 2016 si è chiuso con un risultato netto contabile negativo per 6,9 milioni di euro. In aumento invece le masse gestite, passate da 8,1 miliardi di euro a 8,7 miliardi (grazie a una raccolta netta complessiva di circa 713 milioni di euro). In crescita anche il portafoglio medio dei consulenti finanziari, cresciuto a 11,1 milioni di euro rispetto ai 9,7 milioni del 2015. Nel corso del 2016 sono 60 i nuovi professionisti entrati nella rete, che a oggi conta 787 unità.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

La stretta normativa pesa sul wealth management

Le continue strette normative sono una delle sfide più pressanti per il settore del wealth mana ...

Private a convegno

“Le tre sfide della consulenza: competenze, tecnologia e Mifid 2”. E’ il titolo de ...

Ambienta completa la vendita di SPIG a Babcock & Wilcox

Ambienta – fondo private equity leader in Europa focalizzato sulla crescita industriale attrav ...