I giovani ricchi scelgono il consulente in carne e ossa

A
A
A
Private di Private14 aprile 2017 | 07:52
I millennials high-net-worth svolgono un ruolo sempre più importante nella gestione dei portafogli delle loro famiglie, ma pochi sono pienamente soddisfatti degli investimenti effettuati. Hanno una grande fame di consulenza e non sono particolarmente entusiasti di riceverla da un computer. Sono i risultati principali di una ricerca condotta da OppenheimerFunds, in collaborazione con Campden Research.
In particolare, i giovani appartenenti a famiglie agiate si mostrano propensi a investire in asset rischiosi – come azioni e immobili -, ma vorrebbero sapere di poter contare su una consulenza professionale continuativa e disponibile al dialogo in caso di necessità. Cosa non certo possibile se ci si affida a roboadvisor. Insomma, l’elemento umano sembra tornare decisivo presso la clientela che ha la maggiore dimestichezza con le tecnologie.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Robo advisor: meglio il fai da te?

“BLUEADVISOR, la nostra soluzione nell’era Mifid II”

Speciale ITForum 2017: a Rimini una conferenza sul ruolo dei roboadvisor

Ti può anche interessare

Da Banque Syz un progetto di consulenza d’investimento sostenibile

In collaborazione con la Banca Mondiale, Banque SYZ è l’unico distributore della “note”, la p ...

Hedge fund, volano gli Etf

Oltre nove professionisti senior su 10 (92%) che operano nel settore degli hedge fund si aspettano u ...

In arrivo la Voluntary 3

Allo studio una nuova finestra per il rientro dei capitali. Si discute sulla disciplina  del contan ...