I giovani ricchi scelgono il consulente in carne e ossa

A
A
A
Private di Private14 aprile 2017 | 07:52
I millennials high-net-worth svolgono un ruolo sempre più importante nella gestione dei portafogli delle loro famiglie, ma pochi sono pienamente soddisfatti degli investimenti effettuati. Hanno una grande fame di consulenza e non sono particolarmente entusiasti di riceverla da un computer. Sono i risultati principali di una ricerca condotta da OppenheimerFunds, in collaborazione con Campden Research.
In particolare, i giovani appartenenti a famiglie agiate si mostrano propensi a investire in asset rischiosi – come azioni e immobili -, ma vorrebbero sapere di poter contare su una consulenza professionale continuativa e disponibile al dialogo in caso di necessità. Cosa non certo possibile se ci si affida a roboadvisor. Insomma, l’elemento umano sembra tornare decisivo presso la clientela che ha la maggiore dimestichezza con le tecnologie.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Robo advisor: meglio il fai da te?

“BLUEADVISOR, la nostra soluzione nell’era Mifid II”

Speciale ITForum 2017: a Rimini una conferenza sul ruolo dei roboadvisor

Ti può anche interessare

La cuvée di SCM SIM

A distanza di due anni dal suo ingresso in società, Marco Alessio, Partner e Private Banker di ...

Consulenza, ma solo per gli UHNWI

Il 2015 ha segnato, secondo l’ultimo survey di McKinsey intitolato significativamente “Ascending ...

Hedge fund, ambizioni cinesi in America

Il gruppo di Shanghai Hywin Capital Management ha lanciato un fondo sul mercato statunitense con un ...