Private Equity in Asia, tanti soldi ma meno occasioni

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara21 aprile 2017 | 07:50

Secondo un report pubblicato dai Bain&Co., i fondi di private Equity nell’area dell’Asia Pacifico hanno ben 136 miliardi di dollari di disponibilità liquide ma incontrano non poche difficoltà nel trovare investimenti realmente attraenti, a causa delle valutazioni un po’ troppo tirate di diverse aziende. Nel 2016, per Bain&Co. le operazioni effettuate dal private equity nella regione dell’Asia-Pacifico hanno raggiunto il valore di 92 miliardi di dollari nel 2016, in calo di circa il 25% rispetto ai 124 miliardi del 2015. Nel 2016 si è registrato comunque il livello più alto di sempre per gli investimenti asiatici del private equity che, sempre secondo Bain&Co., rimarranno alti anche anche nel 2017, soprattutto nel settore dei beni di consumo che beneficia della crescita della classe media in quest’area geografica.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

In Asia Ubs va a caccia di clienti donne

Zimmermann, Lemanik: azionario Asia ancora attrattivo

Le banche svizzere alla conquista dell’Asia

Ti può anche interessare

Aipb: masse servite a quota 763 miliardi di euro

Cresce il mercato italiano del private banking. Secondo l’indagine annuale dell’associaz ...

Per le Indie, con ritorno

Il nome Banca dell’Indocina riporta indietro a un’era in cui bastava un solo istituto per presid ...

Le donne trascurate dai private banker

Secondo una ricerca del Boston Consulting Group poche istituzioni finanziarie elaborano strategie di ...