Svizzera, grandi istituti in difesa

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio20 giugno 2017 | 07:05

Le grandi banche svizzere  Ubs e Credit Suisse restano il baricentro del sistema del credito elvetico (nel 2016 hanno generato un terzo di tutti gli utili del settore), ma il loro peso tende a calare negli anni. Lo rivela uno studio condotto dall’Ust (l’Ufficio federale di statistica), dal quale emerge la crescente capacità competitiva sia delle
banche straniere, che considerano la Svizzera uno dei mercati più stabili e affidabili, sia degli istituti regionali e cantonali, che si sono concentrati maggiormente sul settore dei crediti, evitando le fluttuazioni di chi è quotato in Borsa.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche svizzere, il patrimonio cresce grazie agli emergenti

Ti può anche interessare

Investimenti immobiliari in crescita in Italia

Secondo la società di consulenza Cbre Italia, il 2016 è stato l’anno in cui è stato ...

Pir, è l’ora del debutto per Anima Crescita Italia

Debutta sul mercato primo Piano individuale di risparmio (Pir) italiano. Si tratta di Anima Crescita ...

Private banking: un quinto della ricchezza sfugge agli specialisti

Il mercato italiano del private banking si conferma in grande salute. Secondo il rapporto annuale cu ...