Manipolazione indici: multe per le grandi banche d’investimento

A
A
A
Private di Private14 luglio 2017 | 08:44

Dopo Barclays, Bank of America, Goldman Sachs, J.P. Morgan, Citigroup, Rb e Deutsche Bank tocca a Ubs. La banca elvetica ha accettato di pagare 14 milioni di dollari per chiudere il contenzioso con le autorità americane che accusavano l’istituto di aver manipolato l’indice Isdafix usato per elaborare un prezzo alle transazioni swap, mutui commerciali e debiti strutturati.

Ubs ha negato di aver commesso tale violazione, ma comunque ha preferito chiudere la questione, così come avevano fatto gli altri grandi istituti nei mesi scorsi. Quattro gruppi devono ancora raggiungere un accordo: si tratta di Bnp Paribas, Morgan Stanley, Wells Fargo e Nomura.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Caos Spesometro, il termine slitta al 5 ottobre

Fatture, termine prorogato al 28 settembre

Voluntary, più tempo per mettersi in regola

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Fisco e calcio, un rapporto complicato

Anti-evasione: arriva la stretta

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Trump presenta la sua riforma fiscale, sparisce la tassa sulle importazioni

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Istat: nel 2015 Pil a +0,7%, pressione fiscale resta ferma al 43,4%

Osborne: tagliare le tasse alle imprese per limitare la fuga post-Brexit

Fisco: continua a gennaio la crescita delle entrate erariali

Julius Baer trova l’accordo di massima col fisco Usa

Credit Agricole paga 99,2 milioni di dollari al fisco Usa

La corsa delle entrate fiscali italiane prosegue a ottobre

Via l’Imu sulla prima casa? Ne beneficierà chi vive in un castello

L’immobiliare ha dato una mano all’economia italiana

Voluntary disclosure, nessuna esclusione del quadro Rw

Fisco: ratificati gli accordi con Svizzera, Monaco, Vaticano e Liechtenstein

Voluntary disclosure, le tasse vengono dimezzate

Il mattone riparte, l’Ance chiede riduzione pressione fiscale

Fisco, la Svizzera si accorda anche con l’Ue sullo scambio di informazioni

Agenzia delle Entrate e Inps insieme contro le frodi

Gestori, occhio alle scadenze fiscali di lunedì 18 maggio

Fisco, firmato l’accordo Italia-Vaticano

Fisco, ecco i Paesi che non “collaborano”

Fisco, anche il Liechtenstein firma l’accordo con l’Italia

Fisco, firmato l’accordo Italia-Svizzera

Fisco e promotori, il giallo della tassa sui versamenti in contanti

Fisco, dopo la Svizzera arriva l’accordo con il Liechtenstein sullo scambio di informazioni

Conti in Svizzera, ecco i nomi di 100mila evasori fiscali

Fisco, San Marino entra ufficialmente nella “white list”

Voluntary disclosure, oggi accordo Italia-Svizzera

Ti può anche interessare

My place is new bond

Quando si dice pensare in grande: è il caso del nuovo creative director di Zegna che ha voluto ...

Chi è nato povero si rivela più abile come gestore

I gestori di fondi più abili sono quelli nati poveri. Lo rivela uno studio condotto da Oleg Chu ...

Nasdaq acquisirà eVestment

eVestment, molto nota nel settore degli hedge e degli investimenti alternativi, conta più di 2mila ...