Esodo di banker da Notenstein La Roche

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio20 luglio 2017 | 08:03

Dopo un quarto di secolo, Roger Ganz  ha deciso di lasciare Notenstein La Roche.  Un duro colpo per la private bank elvetica, che aveva in Ganz l’uomo di punta nella gestione dei portafogli. Ora passerà a svolgere lo stesso ruolo in Clarus Capital Group, con sede a Zurigo. Solo poche settimane fa altri banker avevano annunciato l’addio a Notestein La Roche a San Gallo e, prima ancora, è arrivato l’addio di Fabian Dori, responsabile delle attività di advisory.

Queste uscite non sono dovute a problemi di solidità della private bank elvetica, che ha chiuso il 2016 con ricavi per 177 milioni di euro (5 milioni in più rispetto al 2015) e un utile di 27 milioni. La realtà controllata da Raiffeisen Svizzera (banca di credito cooperativo), con uffici in 13 città dei Cantoni e l’headquarter a San Gallo, gestisce patrimoni della clientela europea per 20 miliardi di franchi svizzeri. Piuttosto sono la conseguenza della guerra dei talenti scatenatasi ormai da tempo tra i grandi gruppi bancari europei, alla caccia dei banker capaci di portarsi dietro ricchi portafogli di clientela.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Svizzera, il primato del private banking è a rischio

Safra Sarasin, brutto colpo in Asia

Ubs, Blessing alla guida del wealth management

Ti può anche interessare

Se gli investitori voltano le spalle ai fondi hedge

Ey ha pubblicato l’edizione annuale del suo global Hedge Fund and investor survey. Ne è emerso un ...

Beni Stabili prende un portafoglio di immobili dal Creval

Beni Stabili si consolida a Milano attraverso l’acquisizione di un portafoglio da 118 milioni: ...

Julius Baer chiude il 2016 in forte crescita

Va in archivio con numeri molto positivi il 2016 di Julius Baer. La banca con headquarter a Zurigo h ...