Wealth management, così i big del settore tagliano i costi

A
A
A

Secondo un’analisi del Financial Times, sempre più banche e operatori esternalizzano alcune funzioni per ridurre le spese operative.

Private di Private4 settembre 2017 | 09:53

Una parola d’ordine: esternalizzare le funzioni, soprattutto quelle di back-office. È la strategia seguita dagli operatori del private banking e wealth management per tagliare i costi operativi e fronteggiare gli oneri crescenti legati all’arrivo di una regolamentazione sempre più stringente. A metterlo in evidenza è un’analisi pubblicata oggi sul sito del Financial Times.

Il quotidiano britannico rivela per esempio che SEI Wealth Platform, un fornitore di soluzioni gestionali per il settore finanziario, è in trattative con ben 16 private bank britanniche ed europee per gestire in outsourcing (cioè dall’esterno) alcune loro funzioni di back office.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il declino delle private bank svizzere

Il “rinascimento” di Pimco

Financial Times: le private bank non tengono il passo

Ti può anche interessare

Tamburi Investment Partners aggrega in StarTIP le partecipazioni nel digitale

La società di investimento ha provveduto a trasferire tutte le azioni ordinarie di Digital Magics, ...

Amministrazioni patrimoniali, Sg punta sulla Svizzera

La Svizzera resta un mercato di grande interesse per la gestione dei grandi patrimoni, smentendo le ...

Bnp Paribas Wm mette l’Asia nel mirino

L’obiettivo è entrare nella top five delle banche che in Asia si occupano di gestire i grandi ...