Deutsche Am, consulenza chiavi in mano

A
A
A
Private di Private19 settembre 2017 | 10:29

“Non è un prodotto, ma un servizio che mettiamo a disposizione dei private banker, così come dei gestori per semplificare il loro lavoro nella relazione con il cliente”. Isabella Liso (nella foto), strategic beta Southern Europe di Deutsche Asset Management, presenta così gli Strategy Portfolio, la novità del gruppo tedesco per i professionisti della consulenza.

Poco prima della pausa estiva l’Italia ha recepito la Mifid 2, che entrerà in vigore con il nuovo anno. Come si inseriscono gli Strategy Portfolio in questo percorso?

La nuova direttiva introduce una serie di incombenze a carico sia delle fabbriche prodotto, che degli intermediari, indirizzate in primo luogo ad aumentare l’informativa e la trasparenza per gli investitori. Il ruolo dei consulenti diventerà molto più impegnativo in quanto dovranno monitorare costantemente la conformità del prodotto alle esigenze del cliente.

Con la nuova soluzione mettiamo a disposizione dei consulenti finanziari un bouquet di portafogli multi asset – composti da un numero variabile tra 10 e 20 Etf -, che potranno essere utilizzati per personalizzare la strategia d’investimento del singolo cliente. Questo consentirà di semplificare la vita ai professionisti, consentendo loro di fornire risposte più rapide e adeguate alle esigenze della clientela.

Lo strumento è rivolto anche ai consulenti indipendenti?

Certamente. Viene offerto in open architecture, per cui può risultare utile a tutti coloro che si occupano di consulenza finanziaria. Tanto che stiamo riscontrando un grande interesse anche dagli indipendenti, e da società di consulenza indipendenti, che introducono questa attività di asset allocation nelle loro soluzioni. L’appeal degli Strategy Portfoglio è data anche dal fatto che la soluzione è rivolta al professionista, al quale resta l’esclusiva del rapporto con il cliente.

La Mifid 2 pone l’accento sui costi. Come vi siete mossi al riguardo?

Il fatto che la scelta sia ricaduta sugli Etf non è casuale: si tratta di forme d’investimento efficienti e poco costose. Inoltre offrono l’accesso a tutti i mercati e le asset class in maniera semplice. Per altro, trattandosi di prodotti quotati, è possibile entrare e uscire dal mercato secondo necessità, senza tempi di attesa.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn68Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fii dice addio al private equity

Il Fondo italiano d’investimento fa rotta sul venture capital. Secondo quanto riportato oggi d ...

Lo shopping di Natale dei miliardari

I regali di Natale dei miliardari sono sempre lussuosissimi: ma come e dove li comprano? Non lo fann ...

Tre fondi in lizza per Iberchem

La società spagnola di profumi e cosmetici Iberchem è finita nel mirino di alcuni fondi di private ...