Le donne trascurate dai private banker

A
A
A

Secondo una ricerca del Boston Consulting Group poche istituzioni finanziarie elaborano strategie distinte per le clienti di sesso femminile.

Private di Private27 settembre 2017 | 10:41

Mediamente più istruite e più scrupolose degli uomini. Sono così le donne investitrici di fascia medio-alta, che si rivolgono ai servizi di private banking. Secondo una ricerca di The Boston Consulting Group (Bcg)a cui il mensile Barron’s dedica un ampio servizio, le private bank internazionali stanno però trascurando le clienti del gentil sesso . Solo il 2% degli intermediari, infatti, elabora strategie ad hoc per le donne che ormai detengono però ben il 22% degli asset complessivi. Tra l’altro, la quota di ricchezza in mano alle donne crescerà notevolmente in futuro, sia per i progressi di carriera che stanno facendo, visto che vivono in media più a lungo degli uomini e sono destinate a ereditarne le fortune.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banker, ecco quanto guadagnano

Fideuram Ispb, tris d’ingressi a settembre

Morgan Stanley Investment Management, al via l’Open Week

Ti può anche interessare

L’asset manager preferisce la private bank

La possibilità di avere un ruolo di primo piano nei processi decisionali. Sembra questa la spinta m ...

Advent International prende Williams Lea Tag

Williams Lea Tag, provider di servizi di marketing e comunicazione con sede a Londra, è presente i ...

Investimenti immobiliari in crescita in Italia

Secondo la società di consulenza Cbre Italia, il 2016 è stato l’anno in cui è stato ...