Le donne d’oro delle grandi reti

A
A
A

In Italia le professioniste attive nel settore sono ancora poche, ma in media gestiscono portafogli più ricchi di quelli dei colleghi uomini e dispongono anche di una migliore capacità di relazione.

Chiara Merico di Chiara Merico30 ottobre 2017 | 09:41

POCHE MA RICCHE – Poche, ma con grandi portafogli: sono le donne private banker, alle quali Milano Finanza ha dedicato un ampio servizio. In Italia le professioniste attive nel settore sono ancora poche, ma in media gestiscono portafogli più ricchi di quelli dei colleghi uomini e dispongono anche di una migliore capacità di relazione, un asset intangibile ma dal grande valore, in particolare in vista dell’avvento della direttiva Mifid 2.

I NOMI DELLE DONNE TOP – Tutte le grandi reti vantano nel loro organico professioniste di alto livello. In Banca Fideuram le private banker con un portafoglio superiore ai 100 milioni di euro sono Caterina Bandoni, Nevia Salviato, Laura Corti e Antonella Lambri. Per il gruppo Azimut le prime cinque top banker sono Piera Di Pietro, Bruna Annibaldi, Graziella Antinucci, Vincenza Belfiore e Paola BifulcoBanca Mediolanum schiera Monica Lanzi, wealth advisor per la regione Lombardia che vanta 110 milioni di masse. Per Banca Generali i nomi delle donne top banker sono quelli di Annalisa Dall’Aglio, Margherita Masera e Stefania Lambri. Tra le professioniste più accreditate di Ubs Italia ci sono Luisella Rudi, Gabriella Delucchi e Susanna Romeo. Deutsche Bank schiera Paola Ponte e Monica Salsini, che operano nella divisione Private banking, mentre Roberta Canclini è attiva nel Wealth management, la struttura che si occupa dei clienti con disponibilità superiori ai 2 milioni di euro. Sono sei le consulenti della squadra in rosa di Banca Mps: si tratta di Lucia De Rosa, Roberta Massaiu, Gabriella Merolla, Simona Quilici, Elisabetta Scanferlato e Daniela Fradelloni. Nella boutique di Banca Leonardo, infine, le fuoriclasse del private banking sono Stefania Nava, Paola Samarati, Benedetta Michetti e Roberta Parodi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn41Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banking in Svizzera, l’ancora di salvezza del fintech

Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene gli utili

Citi sceglie un veterano per il private asiatico

Private banking, Hsbc si rafforza sul reddito fisso in Asia

Private banker, ecco quanto guadagnano

Private banking, nuova piattaforma in Asia per Ubs

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

Le donne trascurate dai private banker

Private banking, costi fuori controllo in Svizzera

Profitti a singhiozzo per le private bank europee

Cambio al timone di Falcon Pb

Wealth management, così i big del settore tagliano i costi

Private banking, battaglia all’ultimo cliente

Banca Aletti: utile a 20 milioni nel primo semestre

Brexit a private banking, Citi prepara il trasloco a Madrid

Metlife Wm dice addio a Londra

Mutui, le banche commerciali sfidano il private banking

Svizzera, private banking col fiato corto

Ubs, i manager-chiave del nuovo private banking

Vontobel punta sulla Grande Mela

Osservatorio Liuc-Banca Generali: cresce la ricchezza delle famiglie

Banche, vince chi punta sul wealth management

Mirabaud prepara lo sbarco nel private equity

Paperoni con gli occhi a mandorla

Deutsche Bank, maxi-reclutamento in Asia

Riassetto in vista per Albertini Syz

Private banking: Barclays ci riprova

Vontobel pronta a fare shopping

Credit Suisse punta sull’Asia

Le banche svizzere alla conquista dell’Asia

Standard Chartered lancia l’advisory digitale

Coutts punta sul low cost

Credit Suisse vuole prestare sempre di più ai clienti facoltosi

Ti può anche interessare

Banca Leonardo saluta quattro ingressi

Quattro professionisti entrano in Banca Leonardo, rafforzando il team di gestione e la sede di Milan ...

Arle Capital esce da Technogym

Arle Capital Partners esce da Technogym: il fondo di private equity ha ceduto il proprio pacchetto d ...

La cucina delle idee

L’unione fa la forza, anche nel mondo del private equity. Lo sanno bene Lorenzo Bovo, investment m ...