I finalisti dei PRIVATE Banking Awards: categoria Deal

A
A
A
Private di Private15 novembre 2017 | 08:15

Si alza il velo sui finalisti dei PRIVATE Banking Awards, che verranno assegnati il 22 novembre prossimo a Palazzo Mezzanotte (sede di Borsa Italiana) e le relative motivazioni. Per la categoria Deal dell’anno i candidati (e le relative motivazioni) sono:

  • Ersel – Banca Albertini Syz: Dopo lunghe trattative, è stato siglato l’impegno per l’integrazione tra due storiche boutique del private banking italiano. Ersel rileverà la maggioranza dell’istituto milanese che oggi fa capo a Syz, con Alberto Albertini che manterrà una quota di minoranza
  • Intesa Sanpaolo – Morval: Colpo oltrefrontiera per il primo gruppo italiano del credito, che in questo modo dimostra la volontà di individuare nuovi spazi di crescita nella gestione dei grandi portafogli, anche al di là del perimtro tradizionale
  • Spafid – Fider e Isps: Doppia intesa della fiduciaria del gruppo Mediobanca, che sempre più si accredita come multi family office e piattaforma di servizi focalizzati sulle esigenze delle società quotate o che si approcciano ai mercati regolamentati.

I finalisti della categoria AVVOCATO

I finalisti della categoria BANCA INTERNAZIONALE

I finalisti della categoria BANCA ITALIANA

I finalisti della categoria BANKER DONNA

I finalisti della categoria BANKER INTERNAZIONALE

I finalisti della categoria BANKER ITALIANO

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private Banking Awards, il meglio della serata (video)

PRIVATE Banking Awards: tutti i vincitori

Private Banking Awards, pronti via!

Ti può anche interessare

Metlife Wm dice addio a Londra

MetLife ha chiuso la sua divisione britannica dedicata al wealth management. Alla base della decisio ...

Mercer Italia ingaggia Grazia nel team Wealth

Svolgerà il ruolo di senior advisor per gli investitori istituzionali, in primo luogo casse di prev ...

Esodo di banker da Notenstein La Roche

Dopo un quarto di secolo, Roger Ganz  ha deciso di lasciare Notenstein La Roche.  Un duro colpo ...