Union Bancaire Privée: mercati, gestito e commissioni spingono ricavi e utile

A
A
A

Buoni risultati per il bilancio della società

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti18 gennaio 2018 | 10:56

Sono stati comunicati i risultati patrimoniali annuali 2017 di Union Bancaire Privée, una delle principali banche private in Svizzera, specializzata nella gestione patrimoniale per i clienti privati e istituzionali. Lo scenario che emerge è di importante crescita dei ricavi (circa il 12% rispetto al 2016) e di ancora più sostanziosa affermazione dell’utile (in rialzo del 25%). Vediamo la genesi dei risultati attraverso i dettagli del documento trasmesso dalla stessa società.

Investimenti fruttuosi
I mercati azionari rialzisti sono stati di supportato per i ricavi, che sono saliti a quota 1,045 miliardi di CHF dai 934,6 milioni di fine 2016. Tale incremento è ascrivibile anche a un aumento delle commissioni del 14,2%, indotto dalla notevole crescita dei mandati di consulenza o discrezionali tra i clienti privati, nonché al miglioramento di 25 milioni di CHF (+10,1%) del margine d’interesse, legato in particolare al rialzo dei tassi d’interesse sul dollaro.
I costi d’esercizio sono rimasti sotto controllo attestandosi a 669,6 milioni di CHF, in crescita del 5,5% dai 634,7 milioni di CHF riportati nel 2016. Tale incremento è dovuto in gran parte alla piena incidenza dell’integrazione di Coutts in Asia (finalizzata nell’aprile 2016) e alle assunzioni effettuate in quella regione. Inoltre, tale aumento riflette anche i costi più elevati legati allʼattuazione delle normative e gli importanti investimenti nell’offerta digitale.
Il risultato operativo al lordo degli accantonamenti sale del 41,4% e raggiunge quota 271,2 milioni di CHF (contro i 191,9 milioni di CHF di fine 2016), sostenuto dalle attività di intermediazione e di consulenza che hanno beneficiato delle solide performance conseguite dai prodotti della divisione Asset Management, nonché del lancio di offerte dʼinvestimento innovative.
La redditività del Gruppo è dunque sensibilmente migliorata nel 2017, con un utile netto che si è attestato a 220,4 milioni di CHF, in rialzo del 25% dai 176,4 milioni di CHF dell’anno precedente, e un cost/income ratio che è passato al 64,1% dal 67,9% di fine 2016.
Al 31 dicembre 2017, il patrimonio in gestione ha raggiunto quota 125,3 miliardi di CHF, in crescita del 5,9% (+7 miliardi di CHF) rispetto ai 118,3 miliardi di CHF del precedente esercizio. I mercati in salita, gli afflussi netti provenienti dai clienti istituzionali (2,5 miliardi di CHF) e nuovi capitali provenienti dalla clientela privata nei mercati emergenti hanno più che compensato i deflussi legati ai processi di regolarizzazione fiscale in atto prevalentemente tra clienti non europei.

Fondamentali solidi
A fine 2017, il bilancio del gruppo ha riportato un totale di 32 miliardi di CHF, mettendo a segno un aumento di 1,2 miliardi di CHF rispetto ai 30,8 miliardi di CHF riportati a fine 2016. Lʼindice di capitalizzazione Tier 1 si attesta al 27,4%, confermandosi di gran lunga al di sopra del requisito minimo richiesto da Basilea III e della FINMA.
La gestione prudente del bilancio che caratterizza la Banca si riflette anche nel quoziente di liquidità di breve termine che si colloca al 278,4%, ossia 2,8 volte il minimo richiesto da Basilea III.

Guy de Picciotto, CEO di UBP, commenta: “Abbiamo senzʼaltro beneficiato di una congiuntura particolarmente propizia e di mercati favorevoli, ma questi risultati testimoniano anche e soprattutto gli sforzi e gli investimenti compiuti dal Gruppo negli ultimi anni, specialmente in Asia. La nostra performance del 2017 è stata conseguita in un contesto economico di supporto, ma riflette anche il buono stato di salute di cui gode il settore bancario svizzero”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza all’impresa, una questione di famiglia

Rovinarsi sui mercati ai tempi di Mifid 2

Esame Albo, occhio alla scadenza romana

Consulenti, stangata Iva

Connect 2020, la convention da record di Allianz

ConsulenTia18/Tofanelli (Assoreti): “Reti, cogliete l’attimo”

ConsulenTia18/Bufi (Anasf): “I tre livelli critici di Mifid 2”

Consulenza, i consigli per farla con stile

ConsulenTia18/Bosisio (Mediolanum): “La burocrazia non seppellirà la consulenza”

ConsulenTia18/Albarelli (Azimut): ” Con Mifid 2 i cf guadagneranno di più “

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Cinque dettagli fondamentali per passare un inverno in eleganza

Consulenti, sospensione cautelare per un professionista pugliese

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Mifid 2, il limbo italiano degli incentivi e della product governance

Fidelity Winter Roadshow, è tempo di debutto

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Tutto quello che avreste voluto sapere sui costi di Mifid 2 (ma non avete mai osato chiedere)

Recepimento Mifid 2, facciamo il punto

Ethenea, un viaggio verso la destinazione 2018

Sorpresa robo-advisor: a usarli di più sono i clienti di fascia alta

Online Sim lancia la prima piattaforma per scegliere tra più robo-advisor

Ambromobiliare, sottoscrizione aumento si ferma al 5,7%

La Casa della Consulenza e quel lavoro di squadra

I gestori dovranno cambiare modello di business

In bfinance arrivano Morgan e Rose per seguire l’Italia

I consulenti italiani dovrebbero investire anche nell’etica

Albo unico, Nafop: una soluzione entro pochi giorni

Ascosim cambia: da oggi è l’associazione delle società di consulenza finanziaria

Al lancio il primo social network degli investimenti

Cambio ai vertici di Ernst & Young, Weinberger sarà presidente e a.d.

Nuovo ingresso in cda per GC Governance Consulting

Ti può anche interessare

Ecco i Paesi dove i ricchi scelgono i paradisi fiscali

Secondo un'analisi di Bloomberg, un decimo dell'intera ricchezza globale è detenuto in paradisi fis ...

Voluntary disclosure: si cerca lo sprint finale

I grandi studi di tributaristi sono pieni di faldoni. Gli ultimi giorni per aderire alla voluntary d ...

Il private banking ha fatto goal

E’ in edicola  il nuovo numero di PRIVATE. La cover story di questo mese è dedicata ad Allianz ...