Due ingressi per Mediobanca Private Banking

A
A
A

Gli inserimenti di Gerosa e Mazzola si collocano nel più ampio piano di crescita della divisione Private Banking del Gruppo Mediobanca.

Chiara Merico di Chiara Merico16 aprile 2018 | 12:02

Mediobanca Private Banking annuncia l’ingresso di due nuovi banker, Jacopo Gerosa e Claudia Mazzola. Gli inserimenti si collocano nel più ampio piano di crescita della divisione Private Banking del Gruppo Mediobanca che, come annunciato, nei prossimi 3 anni punta ad accrescere la propria struttura con circa 30 nuovi banker e ad un incremento di 6 miliardi di asset. Jacopo Gerosa proviene dalla sede londinese di Citigroup dove ha lavorato per sei anni, partecipando attivamente allo start-up del  progetto di private banking sul mercato italiano di Citi servendo la clientela con patrimonio liquido oltre i 25mln e portafoglio superiore a 5 mln USD. Professionista con un profilo internazionale, ha iniziato la sua carriera in J.P. Morgan e successivamente ha lavorato come banker anche presso Credit Suisse. Claudia Mazzola entra in Mediobanca dopo sei anni trascorsi in BNP Paribas Private Banking occupandosi della gestione e dello sviluppo della clientela private con particolare riferimento alle operazioni sinergiche con la divisione corporate. Banker con esperienza ventennale nel settore bancario, la gran parte spesa a servizio della clientela Ultra High Net Worth, ha in precedenza lavorato per altre realtà del settore come UBI Banca  Private Banking ricoprendo anche il ruolo di supervisor di una Private Banking Unit. La divisione di Private Banking del Gruppo Mediobanca – guidata da Angelo Viganò – propone un modello di Private & Investment Bank basato sulle sinergie con i servizi Corporate & Investment Banking di Mediobanca dedicati al segmento mid-corporate e beneficia quindi dell’esperienza di Piazzetta Cuccia nell’advisory e nel capital market.

 


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti può anche interessare

Banca Aletti, utile a 19,9 milioni

Senza la componente non ricorrente l’utile netto sarebbe di 33,9 milioni e il risultato lordo dell ...

Un senior per il private di Finnat

Paolo Nardelli entra nel team private di Banca Finnat ...

Private equity, l’indice di State Street segna bel tempo

Prosegue il momento positivo per il private equity internazionale. L’Indice Global Exchange Priva ...