Rethink Passive

in collaborazione con iShares

Gli strumenti legati ai PIR spingono AIM Italia

A
A
A
Marco Barlassina di Marco Barlassina19 gennaio 2018 | 13:35

IR Top ha analizzato l’impatto dei PIR su AIM Italia, tracciando il primo bilancio ad un anno dall’introduzione della normativa.

Dall’analisi è emerso che sulla base della capitalizzazione di mercato a fine 2017 pari a 5,7 miliardi di euro, sulla quota di flottante medio di AIM gli investitori PIR compliant detengono il 23%.

Lo studio di IR Top ha pertanto delineato come nel primo anno di vita dei Pir gli strumenti legati ai Piani individuali di risparmio siano diventati i principali investitori del listino dedicato alle piccole e medie imprese.

Sono infatti numerosi i prodotti Pir compliant emessi nel corso del 2017, costruiti per riflettere i requisiti della nuova legge italiana sui vantaggi fiscali legati ai Piani Individuali di Risparmio (Pir), se l’investimento è mantenuto per almeno 5 anni.

Tra questi un posto di primo piano è occupato dagli ETF, che possono essere strumenti ideali per la costruzione di portafogli PIR grazie all’efficienza a livello di costi e alla possibilità di un’ampia e trasparente diversificazione all’interno di una classe di attivi potenzialmente volatile.

Uno degli ETF più rappresentativi in questo senso è l’iShares FTSE Italia Mid-Small Cap UCITS ETF (IPIR), che replica il FTSE Italia PIR Mid Small Cap, lanciato nello scorso settembre.

Con tale fondo gli investitori possono ottenere un’esposizione trasparente e diversificata tramite un unico strumento ad oltre 170 (secondo dati Blackrock al 17 gennaio 2018) società di piccola e media capitalizzazione del mercato azionario italiano, con l’esclusione di società appartenenti al settore immobiliare o costituite fuori dall’Italia. In particolare, l’universo investibile del fondo è costituito per l’86% da titoli di società “mid cap”, mentre le “small cap” rappresentano il restante 14% dei componenti dell’indice di riferimento. Il FTSE Italia PIR Mid Small Cap è un indice a rendimento totale netto, vale a dire che i dividendi netti dei titoli da cui è composto sono reinvestiti al netto delle eventuali imposte applicabili. Il fondo è a replica fisica, ovvero acquista i titoli che compongono l’indice, e ha un TER dello 0,33%

L’importanza del listino dedicato a small e mid cap dovrebbe ulteriormente crescere nei prossimi anni. L’Osservatorio IR Top su Aim Italia si attende che nei prossimi 5 anni ben 3,3 miliardi di euro possano essere convogliati verso il mercato Aim Italia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

iShares: il model portfolio conquista. Unione di stile attivo ed Etf

Nell'intervista Emanuele Bellingeri, responsabile per l'Italia di iShares, racconta l’innovazione ...

Per mettere il robot in portafoglio il consulente sceglie l’ETF

Gli ETF consentono di minimizzare il rischio di concentrazione su singoli titoli e contestualmente d ...

Gli ETF nella nuova era di Mifid II – VIDEO

Emanuele Bellingeri, responsabile per l’Italia di iShares, presenta i contenuti della nuova guida ...