Contenere la volatilità con gli ETF: missione possibile

A
A
A

Esistono degli strumenti che permettono di proteggersi, o di mantenere un’esposizione al mercato azionario nel lungo periodo

Marco Barlassina di Marco Barlassina30 marzo 2018 | 10:03
Il 2018 ha proposto a sorpresa il ritorno della volatilità sui mercati finanziari. Dopo un intero 2017 nel quale non si è assistito ad alcun episodio di volatilità, lo scorso febbraio i mercati hanno vissuto un sussulto in corrispondenza di alcune avvisaglie di un ritorno di fiamma dell’inflazione negli Stati Uniti. Allarme presto rientrato, ma purtuttavia un richiamo importante per investitori e consulenti finanziari a fare i conti con un aspetto congenito dei mercati finanziari: la presenza di fasi in cui il nervosismo spinge i corsi azionari verso il basso anche in un arco di tempo limitato.
Esistono comunque degli strumenti che permettono di proteggersi, o di mantenere un’esposizione al mercato azionario nel lungo periodo (anche in ottica di asset allocation), con una maggiore dose di tranquillità.
Tra questi un ruolo emergente è coperto dagli ETF Minimum Volatility, una particolare categoria di ETF smart beta che hanno l’obiettivo di ridurre il rischio di un portafoglio attraverso la selezione di azioni a bassa volatilità, quelli cioè che storicamente si muovono al rialzo o al ribasso con più moderazione. Si tratta di ETF che definiscono, attraverso modelli multifattoriali, un paniere di titoli a bassa volatilità, con vincoli di natura geografica e settoriale che li renda non troppo dissimili dall’indice di origine.
Una strategia che ha dimostrato di funzionare: evidenze empiriche mostrano come, su orizzonti temporali di medio-lungo termine, portafogli con titoli poco volatili abbiano prodotto rendimenti aggiustati per il rischio superiori rispetto a portafogli con titoli molto volatili.
“Le strategie fattoriali e in generale l’indicizzazione basata su indici non tradizionali  – spiega Marco Tabanella, ‎Head of Wealth/Retail Segment iShares Italy – consentono di isolare componenti diversificate di alfa a cui accedere non più attraverso gestori attivi, ma direttamente e in modo efficiente tramite ETF. Gli ETF smart beta si pongono, in un certo senso, a metà strada tra gestione attiva e passiva tradizionale e testimoniano un’evoluzione del contributo positivo della gestione passiva al processo di costruzione di portafoglio e di asset allocation”.
Per affrontare condizioni di mercato variabili, l’innovazione proposta dagli emittenti di ETF, propone anche una strada ulteriore. “In passato – prosegue Tabanella – i singoli fattori sono stati utilizzati nella gestione attiva per generare Alfa e adesso assumono importanza crescente nell’ambito della gestione indicizzata. Essendo i fattori spiegati da ragioni diverse, la loro ciclicità implica anche il beneficio di combinare più fattori quali value, quality, size e momentum in una soluzione unica definita multifactor e volta a generare rendimento sul lungo periodo nelle diverse condizioni di mercato. Utilizzando un prodotto multifactor posso quindi diversificare i rischi, come durante fasi recessive in cui ad esempio le azioni value sono destinate a soffrire e i titoli quality, con fondamentali più solidi, possono proteggere dalle perdite. I fattori hanno storicamente esibito correlazioni ridotte, se non negative, rendendo le strategie multifactor una soluzione con potenziale di performance in diverse condizioni di mercato”.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

WisdomTree e Etf Securities, affare fatto

Etf, un investimento smart ai tempi di Mifid 2

La guerra dei fondi

Una nuova guida per Spdr

J.P. Morgan AM, cinquina di Etf a Piazza Affari

Etf, proposta obbligazionaria di Spdr

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Etf, 25 anni in ascesa

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

Tra attivo e passivo: gli ETF Smart Beta

Il futuro è già presente

Giangrande (Deutsche Bank): “Come puntare sulla Cina con gli Etf”

Experience The Future – Consulta la Guida

Invesco, acquisizione miliardaria tra gli etf

Amundi lancia un Etf Pir compliant

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Oro, si raffredda la domanda

A Piazza Affari i primi 5 etf di Hsbc Global Asset Management

Lyxor lancia il primo Etf Pir compliant

Source lancia l’ETF specializzato nel FinTech

Buffett (Berkshire Hathaway): fondi hedge costano troppo per quel che rendono

Nasce Euclidea, il primo private banking fintech alla portata di tutti

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Etf in Europa, frena la raccolta degli smart beta

Moneyfarm lancia la prima gestione patrimoniale per tutti

Petrolio: cinque cose da tenere a mente secondo WisdomTree

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

New Alpha A.M. e Aviva France finanziano la prima piattaforma europea di analisi degli ETF

Il Premio dei Premi per l’innovazione assegnato a Invest Banca e Widiba

Oro, meglio gli Etf che i titoli minerari a questi livelli

Ossiam punta sulla responsabilità sociale

Ti può anche interessare

ETF boom anche nel 2017: in Italia gli Aum sfiorano i 60 miliardi, nel mondo prosegue la corsa

Il settore globale degli ETF ha raggiunto un patrimonio gestito complessivo (AUM) pari a oltre i 4,5 ...

Come rimodulare un portafoglio obbligazionario con gli ETF

La prossima riunione della Banca centrale che guida nei fatti l’orientamento della politica mo ...

Flussi sugli ETP da record, anche grazie ai robot

Nel mese di gennaio gli ETP hanno raccolto 100,6 miliardi di dollari a livello globale, raggiungendo ...