Effetto Mifid 2, ma la fee resta segreta

A
A
A

I dubbi sul nuovo prospetto introdotto dalla direttiva europea sui servizi finanziari

Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio25 ottobre 2018 | 09:31

E’ ancora presto per dire se sarà una rivoluzione, ma di certo 
c’è che l’appuntamento con la rendicontazione prevista dalla Mifid 2 sta mettendo in subbuglio il mondo della distribuzione finanziaria. Con la mancanza di regole condivise tra i player che rischia di creare più di un problema nei rapporti con  i clienti. Secondo quanto previsto dalla direttiva europea introdotta per alzare le tutele dei piccoli investitori, entro 
il primo trimestre del 2019 questi ultimi dovranno ricevere un’informativa relativamente alle commissioni pagate quest’anno, con l’indicazione non più solo in termini percentuali (come avviene oggi), ma anche in valori assoluti. La normativa, da quella europea fino ai regolamenti applicativi, non fissa tuttavia le modalità di redazione di questo documento, con il risultato che ciascun intermediario si sta attivando in proprio, per cui il risultato potrebbe portare a documenti non facilmente confrontabili tra loro.

SENZA UNO STANDARD – “L’obiettivo tanto del legislatore comunitario, quanto di quello nazionale è stato di non ingessare il mercato con indicazioni specifiche sulla redazione dei documenti, come invece avviene per quello relativo ai rischi. Tuttavia questo apre le porte alla mancanza di uniformità nelle scelte degli operatori”, commenta Luca Frumento, avvocato esperto del tema. “Ho la sensazione che in questo scenario si scaricherà interamente sul consulente finanziario la responsabilità di chiarire i dubbi che emergeranno dai clienti”.
 In particolare, esperto fa riferimento 
al testo della direttiva che indica la necessità di esplicitare i guadagni dei vari attori della filiera (casa prodotto, rete e consulente finanziario) solo su richiesta del cliente. “Anche su questo fronte la mancanza di una direzione chiara non aiuta. Da quello che si percepisce dal mercato, ritengo che le sim si orienteranno fin da subito verso indicazioni dei costi esplicitati per le singole componenti, in modo da evitare di dover rifare successivamente la procedura, con perdita di tempo e costi maggiorati”.

NESSUNA RIVOLUZIONE  –Come minimizzare l’impatto di questa incertezza sugli operatori del settore? “Non vedo rivoluzioni in arrivo, almeno per i consulenti, la categoria che conosco meglio. Si tratta di professionisti già abituati a interloquire con i clienti anche sulla tematica costi”, ribatte Frumento. “Diverso potrebbe essere lo scenario 
che si pro la all’orizzonte per i prodotti venduti allo sportello”. In attesa di un riscontro a partire dalle prime settimane del nuovo anno, i consulenti avvertono già i primi effetti della nuova normativa.

CHI PAGA IL CONTO DAVVERO  – Da una ricerca realizzata da McKinsey per Anasf, presentata a ConsulenTia Napoli, è emerso che le commissioni stanno già calando. “Il mercato si sta adeguando rapidamente”, commenta Maurizio Bufi , presidente di Anasf.
“La nostra preoccupazione è che a pagare il conto alla fine siano solo, o quanto meno prevalentemente, i consulenti finanziari, mentre si tratta di una s da che dovrebbe coinvolgere l’intera filiera”. Non si tratta solo di una difesa della categoria, precisa: “Il consulente è colui che si interfaccia direttamente con il cliente e che investe tanto del suo tempo sul confronto umano per creare con gli investitori e i risparmiatori un rapporto duraturo, con bene ci per tutti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fattura elettronica, Pec e firma digitale: nuova convenzione Anasf

Consulenti alla conquista del cliente-imprenditore

ConsulenTa19, Bufi: ai cf almeno un terzo dei ricavi

ConsulenTia19, la viglia del grande evento

ConsulenTia19, ultimo giorno per iscriversi

Bufi (Anasf): “Care reti, dateci risposte”

Comitato esecutivo Anasf, ecco le nomine tema per tema

Bluerating News del 15/1/18: ecco tutti i protagonisti

Consulenti e contratto ibrido, meglio stare nelle reti

ConsulenTia19: i dettagli sul convegno inaugurale

Il consulente cambia pelle

Consulenti, cosa insegna la Cassazione

Anasf, una pausa a gennaio

ConsulenTia19, ecco gli appuntamenti targati Anasf

Anasf: porte aperte per i “Protagonisti della crescita”

La scomparsa di Roberto Tenani, il papà dei consulenti finanziari

Anasf, è Riva il vice di Bufi. Alma Foti nell’esecutivo

Consulenti: Ocf vive un momento storico

Enasarco, il budget 2019 passa per un soffio

ConsulenTia19, l’invito di Bufi

ConsulenTia Napoli, rivivi le emozioni

Rapporto Consob, Bufi: “Spazi enormi per i consulenti”

Bufi (Anasf): “Riduzione sui margini? Riguardi tutti, non solo i cf”

Laurea per consulente finanziario, il sogno è realtà

Sarà la ConsulenTia del cambiamento

Tra Anasf e Assoreti serve più dialogo

La consulenza fa il pieno di formazione

Il tocco della consulenza finanziaria

J’accuse Anasf, Riva: “No individualismo, ora facciamo squadra”

J’accuse Anasf, Marucci: “Consulenti senza rappresentanza”

J’accuse Anasf, Santorsola: “Non è un sindacato”

Bufi (Anasf) risponde alle accuse del consulente

Anasf, il j’accuse di un consulente finanziario

Ti può anche interessare

Borsellino (Assogestioni): “Operazione trasparenza sui fondi d’investimento”

Per il vicepresidente di Assogestioni e amministratore delegato di Generali Investments, cresce l’ ...

Risparmio gestito, record di profitti

Una ricerca di McKinsey, citata dall’inserto del Financial Times FTfm, parla di un rialzo record d ...

Cambio al vertice di Vanguard

Il chairman McNabb lascerà a fine anno rimpiazzato da Tim Buckley, già chief executive officer. ...