Effetto Mifid 2, ma la fee resta segreta

A
A
A

I dubbi sul nuovo prospetto introdotto dalla direttiva europea sui servizi finanziari

Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio25 ottobre 2018 | 09:31

E’ ancora presto per dire se sarà una rivoluzione, ma di certo 
c’è che l’appuntamento con la rendicontazione prevista dalla Mifid 2 sta mettendo in subbuglio il mondo della distribuzione finanziaria. Con la mancanza di regole condivise tra i player che rischia di creare più di un problema nei rapporti con  i clienti. Secondo quanto previsto dalla direttiva europea introdotta per alzare le tutele dei piccoli investitori, entro 
il primo trimestre del 2019 questi ultimi dovranno ricevere un’informativa relativamente alle commissioni pagate quest’anno, con l’indicazione non più solo in termini percentuali (come avviene oggi), ma anche in valori assoluti. La normativa, da quella europea fino ai regolamenti applicativi, non fissa tuttavia le modalità di redazione di questo documento, con il risultato che ciascun intermediario si sta attivando in proprio, per cui il risultato potrebbe portare a documenti non facilmente confrontabili tra loro.

SENZA UNO STANDARD – “L’obiettivo tanto del legislatore comunitario, quanto di quello nazionale è stato di non ingessare il mercato con indicazioni specifiche sulla redazione dei documenti, come invece avviene per quello relativo ai rischi. Tuttavia questo apre le porte alla mancanza di uniformità nelle scelte degli operatori”, commenta Luca Frumento, avvocato esperto del tema. “Ho la sensazione che in questo scenario si scaricherà interamente sul consulente finanziario la responsabilità di chiarire i dubbi che emergeranno dai clienti”.
 In particolare, esperto fa riferimento 
al testo della direttiva che indica la necessità di esplicitare i guadagni dei vari attori della filiera (casa prodotto, rete e consulente finanziario) solo su richiesta del cliente. “Anche su questo fronte la mancanza di una direzione chiara non aiuta. Da quello che si percepisce dal mercato, ritengo che le sim si orienteranno fin da subito verso indicazioni dei costi esplicitati per le singole componenti, in modo da evitare di dover rifare successivamente la procedura, con perdita di tempo e costi maggiorati”.

NESSUNA RIVOLUZIONE  –Come minimizzare l’impatto di questa incertezza sugli operatori del settore? “Non vedo rivoluzioni in arrivo, almeno per i consulenti, la categoria che conosco meglio. Si tratta di professionisti già abituati a interloquire con i clienti anche sulla tematica costi”, ribatte Frumento. “Diverso potrebbe essere lo scenario 
che si pro la all’orizzonte per i prodotti venduti allo sportello”. In attesa di un riscontro a partire dalle prime settimane del nuovo anno, i consulenti avvertono già i primi effetti della nuova normativa.

CHI PAGA IL CONTO DAVVERO  – Da una ricerca realizzata da McKinsey per Anasf, presentata a ConsulenTia Napoli, è emerso che le commissioni stanno già calando. “Il mercato si sta adeguando rapidamente”, commenta Maurizio Bufi , presidente di Anasf.
“La nostra preoccupazione è che a pagare il conto alla fine siano solo, o quanto meno prevalentemente, i consulenti finanziari, mentre si tratta di una s da che dovrebbe coinvolgere l’intera filiera”. Non si tratta solo di una difesa della categoria, precisa: “Il consulente è colui che si interfaccia direttamente con il cliente e che investe tanto del suo tempo sul confronto umano per creare con gli investitori e i risparmiatori un rapporto duraturo, con bene ci per tutti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, Bankitalia boccia Anasf

Elezioni Anasf, la resistenza al cambiamento

Elezioni Anasf, il primo schieramento si presenta

Elezioni Anasf, due fronti e un outsider

Elezioni Anasf, tutti i programmi delle liste

Elezioni Anasf: tutti i nomi e i capilista delle liste depositate

Anasf, due nuovi appuntamenti sul territorio

Elezioni Anasf, Conti Nibali scende in campo

Anasf, ecco gli schieramenti per le elezioni

Consulentia 2020, il video di presentazione

Anasf si fa App

ConsulenTia19, segui la diretta Twitter

ConsulenTia19, parla Bufi: “Vogliamo la giusta remunerazione per i cf”

Enasarco, serve uno sconto sui contributi

Il Congresso Nazionale Anasf ai raggi X

Anasf, ottobre è il mese dell’educazione finanziaria

ConsulenTia19, il programma completo di Bologna

Consulenza, Di Ciommo a tutto campo

Bufi (Anasf): “Consulenti, ecco il valore della professione”

Bufi (Anasf) applaude al nuovo ministro dell’Economia

Bufi (Anasf): “Oltre al Rendiconto Mifid 2 serve il consulente”

Bufi (Anasf) dice la sua sulla crisi di governo

Enasarco, la Santa Alleanza è pronta al ribaltone

Consulenti, autunno con gli Anasf day

Anasf, il nuovo presidente alle Idi di Marzo

Enasarco, un Anasf day per parlarne

Savona (Consob): Viva la consulenza “indipendente”

Anasf, firmata la nuova convenzione per la tutela legale dei cf

Mifid 2: il fine tuning coinvolge anche le polizze

Anasf: le nuove date per i corsi di alfabetizzazione finanziaria

Seminari Anasf, a giugno focus su MiFID 2 e i costi della non consulenza

Anasf-Assoreti, accordi e disaccordi

Anasf, prosegue Pianifica la Mente

Ti può anche interessare

Il big di BlackRock loda Intesa Sanpaolo

Come preannunciato da Bluerating.com, il presidente del colosso statunitense Rob Kapito ha preso par ...

Sarno (Aviva Investors): “Così puntiamo sull’Italia”

Parla l'head of wholesale Southern Europe di Aviva Investor: “La Penisola è per noi un’area str ...

ASSET and the CITY: stasera parla Amundi

Solo su Rete Economy ...