Il risiko dei fondi dopo Mifid 2

A
A
A
Avatar di Redazione 26 Novembre 2018 | 10:29
Un articolo di Milano Finanza analizza il possibile ciclo di fusioni e acquisizioni nel settore del risparmio gestito.

Un ciclo di fusioni e acquisizioni nel settore dell’asset management. E’ quello che potrebbe verificarsi nei prossimi anni secondo un’analisi pubblicata su Milano Finanza del 24 novembre scorso. Il settimanale parte dalla presentazione del piano industriale di Generali, in cui è stata annunciata l’intenzione della compagnia assicurativa di espandersi nel settore dell’asset management, anche attraverso acquisizioni. Ma questa strategia di espansione, secondo l’analisi di Milano Finanza, potrebbe essere perseguita da altri grandi gruppi internazionali visto che, con l’arrivo di Mifid 2, c’è una riduzione dei margini di profitto per le case di gestione mentre la tecnologia sta cambiando i canali distributivi. E’ un mix concomitante di fattori che potrebbe spingere le aziende del settore più grandi a inglobare operatori più piccoli.

In Italia, una delle possibili società al centro del risiko potrebbe essere Anima Holding che, accantonato il progetto di un polo nazionale del risparmio gestito con Poste, potrebbe finire nel mirino di un operatore industriale oppure entrare definitivamente nell’orbita del gruppo guidato da Matteo Del Fante. La società più interessante dell’asset management italiano, sempre secondo l’analisi di Milano Finanza, resta però Banca Generali. I futuri assetti proprietari del gruppo guidato da Gian Maria Mossa dipenderanno dalle scelte della controllante Generali ma, nel caso di una vendita, i pretendenti non mancherebbero. A partire da Mediobanca, giudicata dagli analisti un partner naturale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, la raccolta si prende una pausa a giugno

Anima, a maggio raccolta positiva e un nuovo boccone per Bpm

Coronavirus, ANIMA sostiene chi è in prima linea

Anima è pronta per Arca

Anima, a marzo la raccolta non delude

Anima, inizia l’era di Melzi d’Eril

Anima, la sorpresa Caltagirone

Anima pronta ad affidarsi a Melzi D’Eril

Anima, raccolta 186 milioni a gennaio

Reputazione online, Doris al top nelle reti

Anima, ecco la nuova sgr

Anima, Carreri saluta e se ne va

Anima, al via il cantiere per una Sgr sui private market

Anima, nel 2019 la raccolta sfonda quota 300

Banche e reti, per Ubs c’è chi è buy e chi no

Anima, la raccolta si conferma positiva a novembre

Anima, a ottobre prosegue il trend positivo per la raccolta

Anima, raccolta positiva a settembre

Anima, arriva il roadshow per i cf sulla previdenza complementare

Anima, ad agosto raccolta posiva

Anima, a luglio continua la ripresa nella raccolta

Anima, utile giù ma masse in crescita

Anima, la raccolta esce fuori dal tunnel

Anima lancia il fondo per i “novellini” del risparmio gestito

Anima, prosegue il periodo no della raccolta

La nuova Anima di Arca

Anima: utile e ricavi giù, masse su

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Gestori in vetrina – Anima

Caccia grossa nel risparmio gestito

Banche-reti, meglio le italiane delle straniere

Gestito, Anima cerca un partner

Anima, la raccolta frena a febbraio

Ti può anche interessare

Baron (MFS IM): “La nostra offerta per i financial advisor”

Parla il n.1 italiano della casa di gestione statunitense: “Abbiamo stretto partnership con le pi ...

ASSET di marzo: La nuova stagione del risparmio gestito

I temi del magazine in edicola ...

Fisco, 15 trilioni di dollari in fondi fantasma

Quindici trilioni di dollari. A tanto ammontano a livello mondiale i depositi in “fondi fantasma ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X